Due giorni di superlavoro per i Carabinieri sul Garda: un arresto e dieci denunce

Sono state 48 ore di lavoro pressante quelle appena trascorse per i Militari della Compagnia di Peschiera e delle altre Stazioni limitrofe. Ricettazione, danneggiamento, spendita di denaro falso, sono innumerevoli i tipi di reato che hanno portato a un arresto e 10 denunce

Il furgone posto sotto sequestro unitamente agli arnesi da scasso rinvenuti a bordo

I Carabinieri della Compagnia di Peschiera del Garda nelle ultime quarantotto ore hanno operato un arresto e dieci denunce in stato di libertà, tutte a carico di cittadini stranieri. A Castelnuovo del Garda i militari del Nucleo Radiomobile hanno denunciato per ricettazione e porto di strumenti da scasso un pregiudicato rumeno, notato in atteggiamento sospetto in un parcheggio sul lungolago  a bordo del suo furgone Hyundai; sottoposto a controllo e perquisizione è stato trovato in possesso di un cospicuo quantitativo di refurtiva appena sottratta dalle auto dei turisti in sosta: biciclette, tablet, computers portatili, macchine fotografiche, telefoni cellulari, autoradio e denaro contante. Il furgone è stato sequestrato unitamente agli arnesi da scasso rinvenuti a bordo.

A Lazise i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato per danneggiamento aggravato in concorso due turisti diciottenni, un tedesco e un olandese, sorpresi fuori dal loro campeggio la scorsa notte sulla strada regionale gardesana, mentre in evidente stato d’ubriachezza facevano una sorta di gara di forza su chi fra i due riuscisse a sdradicare dal suolo più cartelli di segnaletica stradale. Oltre alla denuncia i due giovani hanno dovuto pagare una contravvenzione di 103 euro a testa e dovranno risarcire la Veneto Strade s.p.a. per i danni arrecati.

I militari della Stazione di Lazise hanno anche denunciato un’insospettabile 60enne di nazionalità cilena, individuata quale complice del connazionale arrestato la scorsa settimana per una serie di furti ai danni delle boutiques del centro di Peschiera del Garda e Lazise; la donna è stata riconosciuta grazie alle immagini delle telecamere di sicurezza dei derubati.

A Peschiera del Garda i Carabinieri della Stazione, durante un controllo dei nominativi degli ospiti di un hotel arilicense, hanno individuato un cittadino olandese colpito da mandato di cattura internazionale per reati finanziari compiuti in patria; i militari hanno atteso che rientrasse in hotel per cena con la sua famiglia, per  arrestarlo e accompagnarlo nel carcere di Verona Montorio in vista della sua successiva estradizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Carabinieri di Peschiera hanno anche denunciato sei turisti di varie nazionalità per spendita di banconote false, poiché in altrettante circostanze, utilizzando pezzi da 50, 20 e 10 euro, hanno effettuato pagamenti ad esercenti dotati di apparati per il riconoscimento dell’autenticità della carta moneta. Le banconote false, confermate tali dalla filiale di Verona della Banca d’Italia, come tale sono state sequestrate  per la successiva distruzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento