S'immerge nel Garda per stabilire il record del mondo: morto un sub

Si chiamava Sebastian Marczewski e all'alba di sabato si è tuffato nella zona di Limone per raggiungere quota -333 metri, ma qualcosa è andato storto e il 41enne polacco ha perso la vita

Sebastian Marczewski

Le acque del lago di Garda hanno fatto un'altra vittima: si tratta del noto ed esperto sub polacco Sebastian Marczewski, che ha perso la vita nel corso di un'immersione in solitaria. 
Come riportano i colleghi di BresciaToday, il tutto è avvenuto nella giornata di sabato a Limone, sulla sponda lombarda del lago. Stando a quanto emerso, il 41enne si era tuffato nelle acque di fronte il camping Nanzel per stabilire un nuovo record mondiale: da mesi si preparava per la nuova sfida, dopo che nel 2017 aveva stabilito il primato nazionale polacco arrivando a 240 metri di profondità, proprio sul Garda, ma il 6 luglio qualcosa non ha funzionato. 

Il sub si sarebbe immerso intorno alle 6.30 del mattino, per provare a raggiungere la profondità record di 333 metri. A far scattare l’allarme è stato Ivano Predari, sub bergamasco: avrebbe dovuto incontrare il 41enne polacco durante la risalita, a quota 100 metri, ma Marczewski non è mai arrivato. Predari allora è sceso fino a quota 160 per cercarlo, poi è tornato in superficie e ha fatto scattare le ricerche.

Il nucleo subacqueo dei volontari del Garda, i vigili del fuoco e la guardia costiera hanno cercato il 41enne per ore: il suo corpo senza vita è stato individuato solo nel tardo pomeriggio, attorno alle 18, a quota -170 metri. Pare che con sè avesse il cartellino che era stato affiso a -333 metri: il sub aveva quindi raggiunto la quota record prima di restare vittima di un tragico incidente durante la delicata fase di risalita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Era un ex militare: era stato in guerra in Afghanistan, dove a causa dell'esplosione di una mina aveva subito danni permanenti alla spina dorsale. Si era fatto male, ma non così tanto da rinunciare all'impresa: una volta appesa la divisa al chiodo si era potuto dedicare alla sua più grande passione, le immersioni. Una passione che gli è costata la vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • Scooter si schianta contro il guard rail nella notte: morto il conducente

Torna su
VeronaSera è in caricamento