Stroncato da un malore in salita, il ciclista di 32 anni trovato morto ad Avesa

L'esame autoptico non avrebbe rivelato alcuna ferita riconducibile al decesso e ora verranno eseguiti degli accertamenti di natura cardiologica per trovarne la vera causa

Sarebbe stato un malore che lo ha colto mentre pedalava in salita a stroncare Carlo Ferrari, l'agente della Polizia locale di 32 anni trovato morto il 7 luglio nel fossato che attraversa il bosco di Avesa. 
Come riporta TgVerona, a fare luce sulle cause della morte ci ha pensato l'autopsia. I medici legali infatti non avrebbero rinvenuto ferite o lesioni che avrebbero potuto provocare il decesso e prossimamente verranno quindi eseguiti degli esami cardiologici. Il 32enne avrebbe sofferto anche in passato di aritmia cardiaca, che potrebbe averlo colto durante lo sforzo della salita: la stessa bici inoltre non presenterebbe danni tali da ipotizzare ad una rovinosa caduta in discesa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

Torna su
VeronaSera è in caricamento