Stroncato da un malore in salita, il ciclista di 32 anni trovato morto ad Avesa

L'esame autoptico non avrebbe rivelato alcuna ferita riconducibile al decesso e ora verranno eseguiti degli accertamenti di natura cardiologica per trovarne la vera causa

Sarebbe stato un malore che lo ha colto mentre pedalava in salita a stroncare Carlo Ferrari, l'agente della Polizia locale di 32 anni trovato morto il 7 luglio nel fossato che attraversa il bosco di Avesa. 
Come riporta TgVerona, a fare luce sulle cause della morte ci ha pensato l'autopsia. I medici legali infatti non avrebbero rinvenuto ferite o lesioni che avrebbero potuto provocare il decesso e prossimamente verranno quindi eseguiti degli esami cardiologici. Il 32enne avrebbe sofferto anche in passato di aritmia cardiaca, che potrebbe averlo colto durante lo sforzo della salita: la stessa bici inoltre non presenterebbe danni tali da ipotizzare ad una rovinosa caduta in discesa. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Tamponamenti a catena sulla A22: una vittima, mentre 35 sono i feriti

  • Cronaca

    Usa il termine "finocchio" con un dirigente, Gian Luca Rana condannato

  • Attualità

    L'allerta per i Pm10 non cala e il blocco diesel Euro 4 resta attivo

  • Cronaca

    Bussolengo, truffa anziana e le porta via 10mila euro in oro. Arrestato

I più letti della settimana

  • Tamponamenti a catena sulla A22: una vittima, mentre 35 sono i feriti

  • "Adrian", spettacolo sospeso e polemiche. Casali: «Un fallimento, restituite il Camploy»

  • Amadou Càmara, storia di una morte indifferente nella città dell'amore

  • Il bidet si rompe e lo ferisce: trovato morto dissanguato nella sua casa

  • Storie di ordinaria follia: ordina su Internet un costume da bagno e riceve lingotti d'oro

  • Si è spento Giulio Brogi, attore veronese di cinema, teatro e televisione

Torna su
VeronaSera è in caricamento