"La tua guerra ora". Striscione del Blocco Studentesco al Teatro Romano

Azione dimostrativa del gruppo veronese: "Bisogna far riscoprire ai ragazzi lo spirito nazionale che ha infiammato i nostri padri. L'Italia deve essere riformata dalla gioventù"

"La tua guerra ora", questo è stato scritto su uno striscione esposto dai militanti del Blocco Studentesco di Verona questa mattina, 20 settembre, davanti al Teatro Romano.

blocco studentesco studenti-2

"Non si tratta soltanto di uno slogan - ha dichiarato il responsabile del Blocco Studentesco Verona - La tua guerra ora è il nuovo punto del nostro programma. La scuola pubblica è stata ormai ridotta ad un’azienda, che non forma uomini e donne, ma tecnici senza cuore né anima. In questo scenario è necessario invertire rotta e riscoprire invece la nostra identità per riuscire a contrastare la tendenza individualista dei nostri giorni. Questo cambiamento può avvenire facendo riscoprire ai ragazzi lo spirito nazionale che ha infiammato i nostri padri nel Risorgimento e nella Prima Guerra Mondiale. L’Italia deve essere rifondata dalla gioventù che oggi frequenta le scuole. Per questo abbiamo deciso di svolgere quest’azione in un luogo di grande significato storico e culturale".

blocco studentesco-2

"Con questa azione di questa mattina - ha concluso - abbiamo voluto rimarcare e ricordare che anche quest’anno, sin dai primi giorni di scuola, siamo presenti al fianco dei ragazzi nelle battaglie che ci aspetteranno. Sempre con la stessa voglia di lottare e di raggiungere nuovi risultati e nuove vittorie, senza compromessi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di diverso tipo e con un bersaglio diverso la critica del sindaco di Verona Flavio Tosi sul tema scuola. "In questo modo l'Italia va allo sfascio. Non è possibile avere insegnanti che mancano e cattedre vuote nelle regioni del Nord mentre vi sono più insegnanti che cattedre disponibili nelle regioni del Sud e questi ultimi rifiutano il trasferimento ma conservano il posto. Nel settore privato questo privilegio ai lavoratori non è consentito: occorre una nuova normativa che assicuri la copertura dei posti vacanti nel settore pubblico e ponga fine alla diseguaglianza di diritti tra dipendenti pubblici e privati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attaccata sotto la sedia, nascondeva una scatola con quasi mezzo chilo di coca

  • Coronavirus: Verona segna ancora il peggior aumento di casi positivi totali in Veneto

  • Ancora un dramma sulle strade: motociclista muore dopo lo scontro con un cervo

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Quante persone posso invitare a pranzo o cena in casa mia secondo le norme in Veneto?

Torna su
VeronaSera è in caricamento