Fermato in stazione con quasi tre etti di eroina: 22enne in manette

Nel suo zaino la Polfer ha rinvenuto, all’interno di un sacchetto sigillato, 2 pacchetti di cellophane termosaldato. Il giovane è stato poi condotto nel carcere di Montorio

L'eroina sequestrata dalla Polfer

Un 22enne italiano è stato arrestato dagli agenti del settore operativo del Compartimento di Polizia Ferroviaria per Verona ed il Trentino Alto Adige, i quali hanno anche sequestrato oltre due etti e mezzo di eroina che, sul mercato, avrebbe fruttato migliaia di euro.

Lo scorso martedì, tra la folla dello scalo ferroviario di Verona Porta Nuova, gli operatori Polfer avrebbero individuato il giovane e, durante il successivo controllo, hanno rinvenuto nel suo zaino, all’interno di un sacchetto sigillato, 2 pacchetti di cellophane termosaldato che i reagenti hanno confermato essere eroina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proveniente da Milano e ritenuto essere un corriere della droga, avrebbe provato senza successo a sottrarsi al controllo dei poliziotti: dalle verifiche, nonostante i soli 22 anni, è risultato avere a carico numerosi precedenti sia nel campo degli stupefacenti che per reati contro il patrimonio.
L’arrestato è stato poi portato nel carcere di Montorio a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che, venerdì, ha convalidato l’arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento