A Fieracavalli il meglio dello sport equestre con i campioni olimpici di Rio

Dal 10 al 13 novembre, i padiglioni della fiera si trasformano in un grande campo di gara grazie, con oltre 1.600 cavalieri impegnati in 16 competizioni

© Foto Veronafiere-Ennevi

Il grande sport equestre torna protagonista a Fieracavalli. Per quattro giorni, dal 10 al 13 novembre, i padiglioni della Fiera di Verona si trasformano in un grande campo di gara grazie a oltre 1.600 cavalieri impegnati in 16 competizioni, con un montepremi di quasi 700mila euro. Si va dalla Coppa del Mondo di salto ostacoli con i campioni olimpici di Rio 2016, alle discipline western e al trofeo di attacchi. La 118ª Fieracavalli si conferma così il più importante palcoscenico sportivo di settore in Italia, accompagnando la crescita degli atleti in sella: dai talenti in erba di cinque anni che gareggiano nei Pony Games, fino ai professionisti della Longines FEI World Cup™.

Proprio la 16ª edizione di Jumping Verona è tra gli appuntamenti più attesi della rassegna: unica tappa italiana della Coppa del Mondo che richiama in fiera il gotha del salto ostacoli internazionale e con in palio 410mila euro. Numerosi big sono pronti a sfidarsi nel ring d’onore del Pala BMW, al padiglione 8. Tra questi gli ori olimpici Kevin Staut e Penelope Leprevost, e il campione mondiale in carica Steve Guerdat. Sette gli italiani presenti, compreso Lorenzo de Luca, il ventinovenne fresco di sei impressionanti vittorie, prima tra tutte quella al Gran Premio CSIO5* di Dublino.

Il prestigioso terreno di gara ospita poi il più selezionato vivaio del salto ostacoli con i ragazzi delle Coppa delle Regioni U21, del Fixdesign Regional Cup e del concorso Riders U25.
Spazio ancora alle giovani promesse del 29° Concorso Nazionale Pony al Pala Fixdesign (padiglione 5), dove è in programma anche il Fixdesign International Show Jumping CSI2*, con un montepremi di 67.500 euro conteso dai 350 binomi iscritti.
Novità di Fieracavalli 2016 è la finale del Trofeo 4 Regioni Pony Games, con 220 cavalieri e amazzoni – dai cinque anni in su – che si confrontano in gare di velocità, destrezza e controllo nell’area Family (area esterna A).

Il meglio delle specialità sportive americane a livello europeo si trova invece nel Westernshow che quest’anno porta a Verona oltre 750 esemplari delle razze Appaloosa, Paint e Quarter Horse. Nei ring dei padiglioni 11 e 12, con l’organizzazione di Fitetrec-Ante, vanno in scena le finali del Campionato Italiano, Coppa Italia e Trofeo delle Regioni di Team Penning e Gimkana Western, oltre al Campionato Europeo di Barrel Racing e a quello Italiano di Working Cow Horse, con un montepremi totale di 200mila euro.
Per chiudere la quattro giorni dedicata allo sport a cavallo non poteva mancare nell’Area Family (area A) il Trofeo Derby Attacchi targato FISE-Federazione Italiana Sport Equestri, con 40 team partecipanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento