Risse, liti e disturbo della quiete pubblica: sigilli per il Caffè Dolce Amaro

Il locale situato in via Caccia, a Verona, è stato il destinatario del provvedimento del questore Petricca che ha deciso di sospendere per 15 giorni la licenza per la somministrazione di alimenti e bevande

L'apposizione dei sigilli al Caffè Dolce e Amaro

Per motivi di ordine e sicurezza pubblica, e con la finalità d’impedire il protrarsi di una situazione di pericolosità sociale, il questore di Verona Ivana Petricca ha deciso di sospendere la licenza per la somministrazione di alimenti e bevande al "Caffè Dolce Amaro", situato in città in via Caccia, come stabilisce la norma dell’art. 100 del T.U.L.P.S.

La sospensione è stata decisa in seguito ai numerosi interventi che si sono susseguiti a partire dal 22 settembre 2019, l'ultimo dei quali è stato effettuato presso il locale dagli agenti delle Volanti: secondo quanto riferiscono le forze dell'ordine, si tratta di un’escalation di episodi che va dalle risse alle liti tra persone in stato di ubriachezza, da casi di molestie a quelli ripetuti di disturbo alla quiete pubblica. Inoltre è stata anche accertata l’abituale presenza di numerosi soggetti con precedenti penali e di polizia.

A riguardo di quest'ultima osservazione, la Questura sottolinea che la motivazione di tale provvedimento "risiede anche nello scopo di dissuadere e privare per qualche tempo soggetti indesiderati, perché pericolosi, pregiudicati o con precedenti di polizia, di un luogo abituale di aggregazione e avvertirli della circostanza che la loro presenza presso quel locale è oggetto di particolare attenzione da parte dell’Autorità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono stati i poliziotti della Divisone di Polizia Amministrativa congiuntamente agli agenti delle Volanti della Questura, alle 11 di martedì, ad eseguire il provvedimento con l’apposizione dei sigilli e la chiusura temporanea dell’attività dell’esercizio pubblico. 
Il gestore nonché titolare della licenza è stato informato che l’attuale prima sospensione, nelle ipotesi che i fatti già accertati si ripetano, può determinare una seconda più grave interruzione dell’attività, fino alla eventuale revoca della licenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento