"Si voltato con odio dicendo: muori"

Parla il capitano dei carabinieri di Legnago, Provvidenza, travolto da un folle sabato notte

"Si voltato con odio dicendo: muori"
“Mai in carriere ha visto uno sguardo talmente carico d’odio e di rabbia”, così il capitano della compagnia dei carabinieri di Legnago Francesco Provvidenza descrive il volto di Davide Vivian, l’uomo che nella notte tra sabato e domenica scorsi ha tentato di investirlo con l’auto della moglie. Prima di partire con l’auto Vivian aveva guardato fisso negli occhi il carabiniere che gli aveva intimato di scendere dal veicolo e gli aveva detto: “Muori”.

Solo una fortunata coincidenza ha evitato che la violenza di Vivian sfociasse in conseguenze drammatiche. Fra l’altro l’uomo non era nuovo ad un comportamento simile. “Già nel maggio del 1999 – racconta il capitano Provvidenza – Vivian aveva messo in atto la stessa azione per sottrarsi al controllo di un militare”. Anche in quella circostanza aveva prima fatto retromarcia travolgendo il carabiniere e poi aveva cercato di investirlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Ladri acrobati si arrampicano fino al quinto piano e svaligiano l'appartamento

  • Braccato dai carabinieri per il tentato omicidio della fidanzata, si dà fuoco

  • Folle inseguimento, poi fuga a piedi: carabinieri sulle tracce di una banda di ladri

  • Vivevano alle spalle della coppia e facevano prostituire la donna: arrestati

Torna su
VeronaSera è in caricamento