Il bilancio del progetto "Scuole sicure", Salvini: «Spazzare via gli spacciatori uno ad uno»

Il Viminale ha divulgato i dati relativi al progetto "Scuole sicure" che ha coinvolto anche la città di Verona. Il ministro dell'Interno: «Nessuna tolleranza per la droga»

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini

Sono 14,7  i chili di droga sequestrati, 31 gli arresti, 45 le denunce all’autorità giudiziaria e 855 fra violazioni amministrative e illeciti accertati. Questi i principali risultati su scala nazionale del progetto "Scuole Sicure" per l'annata 2018/2019, concluso lo scorso 30 giugno con la chiusura dell’anno scolastico.

Nel complesso sono 598 gli istituti scolastici, situati in 15 capoluoghi di provincia (Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Padova, Roma, Torino, Trieste, Venezia e Verona) di 11 regioni, nei quali è stata potenziata l’attività di vigilanza e controllo contro gli spacciatori di sostanze stupefacenti grazie ai 2,5 milioni di euro stanziati dal Viminale. Per quanto riguarda il Veneto, sono circa 3 i chili di droga complessivamente sequestrati e 121 le violazioni ed illeciti amministrativi accertati. 

Il progetto, secondo quanto riferisce il ministero dell'Interno ha coinvolto più di 26 mila unità di personale, fra polizia locale e forze di polizia, con oltre 13 mila servizi effettuati singolarmente o con operazioni congiunte. Per il prossimo anno scolastico 2019/2020 lo stanziamento è salito a oltre 4 milioni di euro, finanziati con il Fondo per la sicurezza urbana. Questa cifra ha consentito di allargare il progetto "Scuole Sicure" a 100 Comuni su tutto il territorio nazionale.

Ogni ente locale, secondo i dati del Viminale, ha ricevuto un contributo dai 33 mila ai 67 mila euro, calcolato in base alla popolazione residente, destinato a realizzare sistemi di videosorveglianza, pagare lo straordinario e assumere agenti a tempo determinato per la polizia locale, comprare mezzi e attrezzature e promuovere campagne informative. Attualmente, Prefetture e Comuni stanno stipulando i protocolli d’intesa che consentiranno il trasferimento dei fondi e l’avvio delle attività entro l’inizio dell’anno scolastico. «Nessuna tolleranza per la droga e gli spacciatori. - ha dichiarato il ministro dell'Interno Matteo Salvini - Città per città, strada per strada, vogliamo spazzarli via uno ad uno. Orgogliosi di aver finanziato controlli ad hoc davanti alle scuole: faremo sempre di più e meglio».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il panettone più buono secondo Iginio Massari? Lo produce un pasticciere veronese

  • Incidente mortale a Verona: auto contro un muro, perde la vita un 47enne di Cerea

  • L'auto finisce contro un muro: muore padre di due bambine nell'incidente a Ca' di David

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 13 al 15 settembre 2019

  • Tocca il cordolo in moto, cade e muore: la stanchezza la possibile causa

  • Incidente a Sant'Ambrogio di Valpolicella: muore motociclista dopo la caduta

Torna su
VeronaSera è in caricamento