Sconto di pena per Enrico Sganzerla, che tentò di uccidere la ex a coltellate

In appello, la condanna a 7 anni e mezzo è stata ridotta a 5 anni. L'uomo di Cerea nel 2014 tentò di uccidere la ex, Laura Roveri, all'uscita di una discoteca di Vicenza

Trenta mesi in meno di carcere. Da sette anni e mezzo a cinque, per aver tentato di uccidere la ex fidanzata. Anche la Corte d'appello di Venezia ha confermato la condatta per tentato omicidio ad Enrico Sganzerla, veronese di Cerea, ma con una riduzione di pena rispetto a quella inflitta in primo grado con il rito abbreviato.

La sentenza, come scrive il Corriere di Verona, è arrivata venerdì 3 giugno ed è stata un piccolo motivo di soddisfazione per Sganzerla, che rimane comunque sospeso dall'Ordine dei commercialisti di Verona. 

La vicenda ha avuto una forte risonanza mediatica anche perché la vittima anche lei veronese ma di Nogara, Laura Roveri, viva per miracolo, ha avuto la forza di parlarne anche in televisione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il panettone più buono secondo Iginio Massari? Lo produce un pasticciere veronese

  • Incidente mortale a Verona: auto contro un muro, perde la vita un 47enne di Cerea

  • Tocca il cordolo in moto, cade e muore: la stanchezza la possibile causa

  • L'auto finisce contro un muro: muore padre di due bambine nell'incidente a Ca' di David

  • Incidente a Sant'Ambrogio di Valpolicella: muore motociclista dopo la caduta

  • Sfonda la recinzione stradale con un camion e vola per 7 metri dal ponte di viale delle Nazioni

Torna su
VeronaSera è in caricamento