Sconto di pena per Enrico Sganzerla, che tentò di uccidere la ex a coltellate

In appello, la condanna a 7 anni e mezzo è stata ridotta a 5 anni. L'uomo di Cerea nel 2014 tentò di uccidere la ex, Laura Roveri, all'uscita di una discoteca di Vicenza

Trenta mesi in meno di carcere. Da sette anni e mezzo a cinque, per aver tentato di uccidere la ex fidanzata. Anche la Corte d'appello di Venezia ha confermato la condatta per tentato omicidio ad Enrico Sganzerla, veronese di Cerea, ma con una riduzione di pena rispetto a quella inflitta in primo grado con il rito abbreviato.

La sentenza, come scrive il Corriere di Verona, è arrivata venerdì 3 giugno ed è stata un piccolo motivo di soddisfazione per Sganzerla, che rimane comunque sospeso dall'Ordine dei commercialisti di Verona. 

La vicenda ha avuto una forte risonanza mediatica anche perché la vittima anche lei veronese ma di Nogara, Laura Roveri, viva per miracolo, ha avuto la forza di parlarne anche in televisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

Torna su
VeronaSera è in caricamento