Presidio alla Unilever e sciopero di 24 ore per i lavoratori a rischio licenziamento

I sindacati di categoria accusano l'azienda di «arroganza». Oggi l'incontro tra le parti

Protesta lavoratori Unilever di Sanguinetto - immagine d'archivio

Si svolgerà nella giornata odierna, mercoledì 5 giugno, nei pressi dello stabilimento della Unilever a Sanguinetto, un presidio di protesta contro la procedura di licenziamento collettivo per una settantina di dipendenti, annunciata dalla stessa azienda la settimana scorsa. I sindacati e Rsu hanno infatti proclamato per oggi lo stato di agitazione e i lavoratori si asterranno così dallo svolgimento delle loro mansioni per 24 ore, a partire dalle 6 di stamattina.

Nel pomeriggio, inoltre, la protesta dei dipendenti proseguirà confluendo in piazza Cittadella a Verona, dinanzi alla sede di Confindustria, dove è previsto per le ore 15.30 un incontro tra alcuni rappresentanti aziendali della Unilever e i sindacati di categoria Fai Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil e R.S.U. aziendale.

Questi ultimi, nell'annunciare lo sciopero odierno, hanno in particolare accusato l'azienda di «arroganza», contestando la decisione «senza preavviso» della «delocalizzazione della produzione del dado Knorr e il licenziamento di 76 persone». Una decisione presa, spiegano ancora all'interno di una nota i sindacati, «nonostante la riorganizzazione dello scorso anno e il forte aumento dei carichi di lavoro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finisce fuori strada con la Ferrari, ipotesi malore: muore imprenditore in Transpolesana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 14 al 16 febbraio 2020

  • Rubavano dalla cassa del negozio per cui lavoravano: commesse in manette

  • Preleva 1.500 euro con un bancomat rubato, scoperto e denunciato

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Tre persone portate in ospedale dopo un scontro frontale tra due auto

Torna su
VeronaSera è in caricamento