"Safer Internet Day", dalla sextortion alla pedopornografia aumentano le denunce

Il "Safer Internet Day" 2020 quest'anno si terrà martedì 11 febbraio

Sextortion sul web - immagine d'archivio

Nell'ambito delle iniziative promosse per celebrare il "Safer Internet Day" 2020, che quest'anno si terrà martedì 11 febbraio, la polizia postale e delle comunicazioni in collaborazione con il ministero dell'Istruzione, ha organizzato workshop e dibattiti sul tema del cyberbullismo su tutto il territorio nazionale.

Si tratterà di un'edizione speciale del progetto "Una vita da social" con lo svolgimente in contemporanea, il prossimo 11 febbraio, di incontri presso le scuole di 100 capoluoghi di provincia italiani. Gli incontri programmati con gli istituti scolastici in Veneto coinvolgono anche la provincia veronese con l'Istituto Alighieri di Sant'Ambrogio di Valpolicella.

Aumentano le denunce

Tra i dati statistici relativi al fenomeno del cyberbullismo, da segnalare un costante incremento, negli ultimi tre anni dal 2017 al 2019, delle denunce relativamente alla pressoché totalità dei reati. Il che come sempre deve essere letto come un dato "bivalente", indice da un lato di un incremento dei comportamenti scorretti sul web, ma dall'altro anche della presa di coraggio da parte delle vittime, non di rado sottoposte anche a ricatti, che scelgono di denunciare affidandosi alle forze dell'ordine.

Destano comunque preoccupazione fenomeni come quello dello "stalking" che vede aumentare le vittime minorenni denuncianti da 13 nel 2017, a 14 nel 2018, fino a 18 nello scorso anno. Per quanto riguarda l'estorsione tramite ricatto sessuale (sextortion) le vittime denuncianti nel 2017 furono 33, mentre aumentarono nel 2018 a 43 per poi diminuire lo scorso anno a 19, quando però rispetto al 2017 (14) ad aumentare sono stati i minorenni denunciati autori per sextortion (15). Altra piaga che vede un incremento delle denunce è quella della diffusione di materiale pedopornografico online con il passaggio dalle 28 denunce del 2017, alle 40 del 2018 e alle 81 del 2019. In rialzo anche i minorenni denunciati, 13 nel 2017 e addirittura 62 nel 2019.

Ciberbullismo 2017 - 2018 - 2019

Incontrare i ragazzi per "un internet migliore"

La polizia postale e delle comunicazioni, in occasione della "Giornata mondiale della sicurezza informatica", incontrerà oltre 60 mila ragazzi uniti dallo slogan della campagna "Insieme per un internet migliore". L'obiettivo delle attività di prevenzione/informazione è quello di coinvolgere, educare e formare i ragazzi a sfruttare le potenzialità comunicative del web e delle community online senza correre i rischi connessi al cyberbullismo, alla violazione della privacy altrui e propria, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all'adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per sé o per gli altri, stimolando i giovani a costruire relazioni positive e significative con i propri coetanei anche nella sfera virtuale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La sensibilizzazione sui temi della sicurezza online e sull'uso responsabile della rete - dichiara al riguardo Nunzia Ciardi, Direttore del servizio polizia postale e delle comunicazioni - è un impegno quotidiano della polizia postale e delle comunicazioni. E la collaborazione con il ministero dell'Istruzione è imprescindibile. Iniziative come quella della "Giornata mondiale dedicata alla sicurezza in Internet", - prosegue Ciardi - celebrata ormai da oltre 150 Paesi tra cui l'Italia, sono di grande importanza perché aiutano a portare la sicurezza della rete all'attenzione di un grande numero di persone, giovani e adulti, che a loro volta sono ineliminabili figure di riferimento per orientare i più piccoli ad un uso sicuro e responsabile della rete».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Dramma in Transpolesana nella notte: un uomo trovato morto dopo malore alla guida

  • Dolore a Pressana e Cologna per la morte di Arianna Fin, madre di due bimbe

  • Zoppicando attira l'attenzione dei carabinieri, aveva 19 dosi di eroina negli slip

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

Torna su
VeronaSera è in caricamento