Rocca di Garda. M5S: "I lavori di messa in sicurezza sono sufficienti?"

Anche il deputato Mattia Fantinati ha sottoposto il problema del monolite roccioso al ministro Galletti e ha chiesto una verifica sul declassamento del rischio idrogeologico

Garda (Fonte foto: Wikipedia)

Dopo l'interrogazione presentata da Diego Zardini del PD, un altro deputato veronese, Mattia Fantinati del M5S, ha chiesto una verifica sul declassamento del rischio idrogeologico della Rocca di Garda, un monolite roccioso che si protende verso la riva del lago e che è instabile.

"Intendo chiedere al ministro dell'ambiente Gianluca Galletti anche se si possano ritenere sufficienti le opere di mitigazione e di messa in sicurezza previste per ridurre la vulnerabilità territoriale", scrive Fantinati, riferendosi ai approvati dal Comune di Garda e e cofinanziati da Veneto Strade.

Nel 2001, al promontorio roccioso era stato attribuito il massimo grado di rischio, con divieto di edificazione. Tuttavia nel 2007, in un'area ai piedi della Rocca sono stati approvati dei lavori, che nel 2009 provocarono il distacco di un masso che creò non pochi problemi. Quando i problemi furono risolti, arrivò la richiesta di ripresa dei lavori. Il Comune di Garda ha quindi approvato i lavori per mitigare il rischio idrogeologico legato alla Rocca di Garda per poterlo così declassare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • Rapina finita nel sangue: chiude il centro del paese per ricostruire l'omicidio

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

  • Tamponamento tra auto e tir, sei feriti: uno è grave. Coinvolti due bambini

Torna su
VeronaSera è in caricamento