Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scoperti rifiuti interrati illegalmente in 4 comuni della pianura veronese

Dieci i terreni individuati, per un'area complessiva di 5 mila metri quadrati: quattro a Zevio, due a Minerbe, uno a Bevilacqua e uno a Boschi Sant’Anna

 

In quattro comuni della pianura veronese sono stati individuati dei rifiuti interrati, nel corso delle indagini ancora in fase di svolgimento e disposte dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Verona.
Le attività di scavo sono state illustrate in un conferenza stampa che il 23 gennaio si è tenuta nella Sala Rossa dei Palazzi Scaligeri, a Verona, alla quale ha partecipato il Presidente della Provincia, Manuel Scalzotto; il Vicecomandante del Corpo di Polizia Provinciale di Verona, Damiano Cappellari; il Sindaco del Comune di Minerbe, Andrea Girardi; l’Ispettore dei Vigili del Fuoco di Verona, Paolo Foresti e il Comandante della Polizia Locale di Zevio, Vincenzo Esposito.

Le ricerche, concentrate su dieci terreni, hanno portato all’individuazione di otto siti in cui erano stati interrati rifiuti: quattro a Zevio, due a Minerbe, uno a Bevilacqua e uno a Boschi Sant’Anna. Gli scavi, portati a termine dalla Polizia Provinciale, dal personale specializzato dei Vigili del Fuoco di Verona e in alcuni casi con la collaborazione della Polizia Locale di Zevio, si sono svolti da ottobre 2018 alla fine del novembre scorso.

I terreni interessati dall’interramento di rifiuti equivalgono in tutto a una superficie di circa 5 mila metri quadrati. A partire da una profondità minima di un metro fino a cinque/sei metri (al raggiungimento della falda acquifera con la quale i materiali interrati erano a contatto), sono stati ritrovati: teli in plastica usati per le coltivazioni, tubazioni in plastica per l’irrigazione, teli in tessuto non tessuto per uso agricolo, materiale ferroso, residui di contenitori in plastica, contenitori di fitofarmaci, fusti metallici rotti con residui di oli esausti, materiale edilizio e da demolizione, pannelli isolanti, legno, materiale plastico vario, colonne e lastre in cemento, rottami metallici vari (di veicoli ed elettrodomestici), pneumatici.

Le aree individuate sono state poste sotto sequestro e dovranno essere bonificate, come previsto dalle ordinanze dei sindaci emesse ai sensi della normativa ambientale.

L’ipotesi di reato è smaltimento illecito di rifiuti pericolosi (art. 256 comma 1 lettera b del Decreto Legislativo 152/2006). L’articolo 192 comma 3 prescrive che il responsabile è «tenuto a procedere alla rimozione, all'avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull'area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa, in base agli accertamenti effettuati, in contraddittorio con i soggetti interessati, dai soggetti preposti al controllo».

I terreni in questione sono stati tutti utilizzati per coltivazioni di frutta, ortaggi o cereali destinati all’alimentazione umana o animale: a rendere possibili tali accertamenti sono state alcune precise segnalazioni.

La Polizia Provinciale invita i cittadini a segnalare eventuali situazioni analoghe per contrastare il fenomeno e permettere il ripristino ambientale dei luoghi.

Contatti 

  • numero verde Provincia di Verona: 800344000; 
  • telefono Centrale Operativa Polizia Provinciale: 0459288406;
  • pec Polizia Provinciale: polizia.provincia.vr@pecveneto.it;
  • e-mail Polizia Provinciale: centrale.operativa@provincia.vr.it;
  • whatsapp: 3351031071.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento