menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Trentenne ricercato per bancarotta milionaria arrestato al "Catullo"

L'uomo aveva ceduto la sua attività fallimentare ad alcuni prestanome per evitare di restituire quanto dovuto ai creditori. Oggi è stato intercettato dalle fiamme gialle scaligere appena sceso dall'aereo

Le fiamme gialle scaligere mettono a segno un altro arresto importante tra i gate dell'aeroporto cittadino. Questa volta a finire in manette è stato un giovane di 33 anni, ricercato da tempo per il reato di bancarotta per la cifra non indifferente di un milione di euro. L’uomo è stato fermato dalla Guardia di Finanza al "Catullo" di Verona, appena sbarcato da un volo proveniente da Napoli. Nei confronti dell’indagato, nato a Palmanova in provincia di Udine, ma di fatto residente a San Felice a Cancello (Caserta), pendeva un’ordinanza di misura cautelare in carcere, emessa dalla procura di di Udine per reati di bancarotta fraudolenta.

L’uomo è stato tratto in arresto dai finanzieri in servizio all’aeroporto e condotto presso il carcere di Montorio a disposizione dell’autorità giudiziaria. Gravi le imputazioni formulate dalla magistratura friulana a seguito delle indagini svolte dalla compagnia della Guardia di Finanza di San Giorgio di Nogaro (Udine): la società di abbigliamento dell'indagato costituita nell’aprile del 2010 aveva già dal mese di novembre dello stesso anno esaurito la propria attività; destinata al fallimento era stata ceduta ad alcuni "prestanome" allo scopo di dissipare beni per oltre un milione di euro, in danno dei creditori e dei dipendenti. Ancora una volta si è dimostrata essenziale la collaborazione tra i diversi reparti delle forze dell'ordine delle varie regioni.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Pfas, via ai controlli sanitari: il veronese nella zona di "massima esposizione"

    • Cronaca

      Uomo trovato morto in auto con le vene dei polsi tagliate vicino all'aeroporto

    • Cronaca

      Era accusato di truffa milionaria ai clienti, il bancario trovato morto in auto

    • Cronaca

      Spaccata nella notte in un negozio di moto: ladri in fuga con sette enduro

    Torna su