"Ribaltare il casello di Verona Sud e costruire il parcheggio della Genovesa"

Il sindaco Sboarina ha incontrato Carlos del Río Carcaño, presidente A4 Holding, per fare il punto sulla situazione della zona e trovare contromisure per alleggerire il traffico e migliorare la viabilità

Il sindaco Federico Sboarina si è incontrato giovedì mattina con il presidente A4 Holding Carlos del Río Carcaño, per fare il punto sui grandi temi che interessano la zona di Verona sud.
Condivisa da entrambe le parti la volontà di procedere nell’ambito di due tipologie di intervento: il ribaltamento complessivo del casello di Verona Sud, che consentirà il diretto interscambio tra l’autostrada e le tangenziali; e la realizzazione del parcheggio scambiatore alla Genovesa, per alleggerire la mobilità della zona.

La rivoluzione viabilistica al casello autostradale, attesa da molti anni, punta, ad un alleggerimento del traffico e dell’inquinamento dei quartieri di Verona Sud, in particolare in occasione dei grandi eventi, con un complessivo miglioramento della mobilità nell’area.
Il parcheggio scambiatore, trattenendo le auto in una zona esterna ai quartieri, consentirà di armonizzare la viabilità autostradale con quella urbana. Infatti, l’impiego del trasporto pubblico servirà ad alleggerire la pressione veicolare nell’area sud della città.

“La collaborazione con l’A4 è fondamentale per la risoluzione dei problemi di Verona Sud – ha dichiarato il sindaco Sboarina –. Per alleggerire da traffico e inquinamento quest’area della città, in particolare in occasione dei grandi eventi, sono necessari interventi che vadano nella direzione sia di un miglioramento della viabilità sia di un supporto alle necessità di parcheggio di Verona sud. Anche i vertici di Veronafiere sono impegnati con il Comune sul tema parcheggi, il lavoro a tre può portare a soluzioni positive a vantaggio di tutta la città”.

“Nell’area della Genovesa – sottolinea l’assessore alla Viabilità e traffico Luca Zanotto – si giocheranno in futuro importanti partite sia per il miglioramento logistico delle linee di adduzione veicolare da e per l’autostrada, sia per le aree di sosta, con il nuovo parcheggio scambiatore che potrebbe diventare il punto di riferimento alternativo ai parcheggi che si trovano oggi tutti nella zona limitrofa al centro cittadino. La vera sfida, emersa dai dati ricavati dalle sei giornate di Mobility Day, è quella di riuscire a spostare buona parte del traffico privato, fra le principali fonti di inquinamento, in una zona esterna della città, limitando al contempo la concentrazione viaria da Verona sud e dal centro cittadino”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va in fiera a gustarsi un risotto. Al ritorno non trova più due portiere

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 20 al 22 settembre 2019

  • Sfonda la recinzione stradale con un camion e vola per 7 metri dal ponte di viale delle Nazioni

  • Capelli neri, occhi marrone, Mister Italia 2019 è Rudy El Kholti ed è di Zevio

  • Forti temporali attesi sul Veneto e scatta ancora lo "stato di attenzione"

  • Bambino di 4 anni investito e portato all'ospedale di borgo Trento

Torna su
VeronaSera è in caricamento