Il Silent disco party non basta. Ancora lamentele dei residenti per la movida

La festa in piazza Erbe doveva essere silenziosa, con la musica ascoltata attraverso le cuffie. Ma gli abitanti del centro hanno comunque brontolato per gli schiamazzi

Partecipato ma non del tutto silenzioso il Silent disco party organizzato in piazza Erbe. I ragazzi si sono divertiti al ritmo della musica diffusa attraverso le cuffie. Ma non tutti i locali hanno aderito e quindi alcuni hanno preferito far ascoltare la musica normalmente.

Puntuali le lamentele dei residenti che su L'Arena hanno protestato ancora contro i bar rumorosi, ma anche per gli schiamazzi e le urla dei ragazzi che hanno ballato fino alle due di notte con le cuffie. L'altro problema acustico lo ha creato il generatore che in via Pellicciai ha dato energia alla festa, infastidendo con il suo rumore gli abitanti della via. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma il solito problema. Da un parte i locali che vogliono attirare clienti con la musica, cercando soluzioni per ridurre l'impatto acustico. Dall'altra gli abitanti del centro che vorrebbero che la gente si divertisse, ma sottovoce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Dramma in Transpolesana nella notte: un uomo trovato morto dopo malore alla guida

  • Dolore a Pressana e Cologna per la morte di Arianna Fin, madre di due bimbe

  • Zoppicando attira l'attenzione dei carabinieri, aveva 19 dosi di eroina negli slip

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

Torna su
VeronaSera è in caricamento