Dalla Regione un contributo agli orfani per concludere il percorso scolastico

Potranno presentare domanda le famiglie con reddito Isee sino a 20 mila euro: "Il fondo, istituito con legge regionale a fine 2016 privilegia i nuclei con orfani a basso reddito e con più figli"

La Regione Veneto stanzia un milione di euro per aiutare i figli rimasti orfani di un genitore a completare il percorso scolastico e raggiungere così il titolo di studio di scuola superiore o la qualifica professionale.

La Giunta regionale del Veneto ha approvato, su proposta dell’assessore al Sociale, il bando per ripartire i contributi in favore delle famiglie in situazione di difficoltà economica, nelle quali il decesso di un genitore può rappresentare un rischio di povertà e di marginalità sociale, in particolare per i figli minorenni.
Potranno presentare domanda le famiglie con reddito Isee sino a 20 mila euro (quantificato in seguito al decesso del genitore). Saranno i Comuni ad inoltrare le domande alla Regione e ad erogare i contributi alle famiglie risultate assegnatarie.
“Il fondo, istituito con legge regionale a fine 2016 – specifica l’assessore alle politiche sociali – privilegia i nuclei con orfani a basso reddito e con più figli. In particolare, nel definire i criteri di accesso abbiamo scelto di privilegiare nelle graduatorie i nuclei con più figli che non abbiano ancora conseguito l’obbligo scolastico, quelli con un figlio disabile, e i residenti in Veneto da più anni”.
Il contributo, che potrà variare da un minimo di 4mila euro per i nuclei con un solo figlio ad un massimo di 12mila euro per le famiglie con 3 o più orfani minorenni, sarà riconosciuto anche retroattivamente, a far data dal decesso del genitore, e verrà erogato entro il 31 dicembre 2017. Potrà assommarsi ad altre tipologie di contributo o aiuto sociale.
“Si tratta di un aiuto concreto alle famiglie, a quelle più fragili e in difficoltà, nonché di una misura di prevenzione sociale, adottata quest’anno per la prima volta in Veneto – sottolinea l’assessore -. Le famiglie che subiscono la perdita precoce di un genitore, magari a causa della crisi economica o di incidenti sul lavoro o di una grave malattia, sono le più esposte al rischio di povertà. E’ una scelta di civiltà e di dignità sostenerle e aiutarle a non privare i figli del diritto a completare il proprio percorso formativo e a costruirsi un futuro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Terribile frontale tra auto e camion nella notte: perde la vita un 34enne

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

Torna su
VeronaSera è in caricamento