Rapine in casa e terrore nella Bassa: individuati altri 5 membri della banda

Secondo i militari della Compagnia di Legnago si tratta di un unico sodalizio criminale che avrebbe colpito, oltre all'area scaligera, anche nelle province di Padova e Mantova, per un totale di 29 episodi

Una delle case svaligiate dai malviventi

Oltre un anno di indagini su rapine e furti commessi in abitazione, ma anche in alcune aziende agricole, della Bassa veronese e delle province di Mantova e Padova, sono sfociate in 5 ordinanze di custodia cautelare in carcere eseguite l'8 marzo dai carabinieri del Nucleo radiomobile della compagnia di Legnago, dopo che le richieste dei Pm Ormanni e Ottaviano sono state accolte dai Gip Gorra e Ferraro. 
I destinatari sono: H.T., cittadino marocchino classe 1991 e pregiudicato; F.I. cittadino italiano di origine marocchina classe 1997 e pregiudicato; E.F.S., cittadino marocchino classe 1986 e pregiudicato; H.V.V., cittadino romeno classe 1994, pregiudicato che già si trovava rinchiuso nel carcere di Montorio; M.M., cittadino marocchino classe 1987, pregiudicato e a sua volta già trattenuto nella casa circondariale veronese. 

9.3.19 rapine e furti 6-2

9.3.19 rapine e furti 3-2

Secondo quanto riferito dall'Arma, i cinque farebbero parte di un sodalizio criminale tra cittadini marocchini e romeni, ritenuto responsabile di 18 rapine in abitazione e 11 furti commessi nel 2017 e 2018, in passato già finito nel mirino delle forze dell'ordine. Dello stesso gruppo infatti farebbero parte i 5 nordafricani arrestati in flagranza di reato nel novembre 2017, i 6 fermati il mese successivo, gli autori della rapina commessa a Goito nell'agosto 2018 (per la quale M.M. è stato condannato ad una pena di 5 anni) e quelli del colpo con tentata violenza sessuale commesso a Ca' degli Oppi del dicembre 2018, per il quale venne arrestato H.V.V. e che ora vede in manette anche l'altro complice. In tutto quindi sono stati eseguti 16 arresti e 5 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 13 persone, alcune delle quali fermate due volte. 
In questo arco di tempo, la banda sarebbe entrata in azione a Gazzo Veronese, Isola della Scala, Legnago, Ca' degli Oppi, Nogarole Rocca, Vigasio, Pescantina, Roverchiara, Albaredo d'Adige, Terrazzo Veronese, Roverbella (MN), Goito (MN) e San Fidenzio (PD). 

9.3.19 rapine e furti 2-2

A far ipotizzare ai carabinieri che si tratti di un unico gruppo criminale, è stato il calare di questo tipo di episodi mano mano che i presunti membri venivano arrestati e il modus operandi praticamente identico tra i vari colpi, appurato dalle indagini e confermato dalle vittime.
I rapinatori, stando a quanto riferito dal capitano De Angelis e dai suoi uomini, agivano con il favore delle tenebre, utilizzando auto rubate che a volte "cambiavano" con quelle che trovavano sul posto. Un piccolo gruppo entrava in azione (difficilmente composto da più di 5 elementi, infatti i reati sono attributi a vario titolo ai vari soggetti), penetrando nell'abitazione alla ricerca di preziosi e se trovava i residenti in casa non si faceva scrupolo di minacciarli con un piede di porco o in rari casi con una pistola. Modi bruschi e violenti che spesso sarebbero sfociati in lesioni: in particolare, la vittima veniva picchiata quando negava di avere una cassaforte, mandando così su tutte le furie i criminali, che nelle aziende agricole si appropriavano di arnesi che utilizzavano poi per i colpi. 

9.3.19 rapine e furti 5-2

In tre quindi sono stati fermati dai militari di Legnago, tra Oppeano, San Giovani Lupatoto e la stazione ferroviaria di Verona, che li hanno portati nel carcere di Montorio dove hanno raggiunto gli altri due, ritenuti loro complici, che già li aspettavano. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

9.3.19 rapine e furti 4-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento