Rapinò bar a Villa Bartolomea nel 2011, incastrato capo della banda

Incrociando la sua impronta digitale recentemente schedata con quella ritrovata sulla scena del crimine è stato possibile accusare un 49enne di rapina aggravata e sequestro di persona

Foto di repertorio

Sono passati quasi otto anni dalla rapina compiuta a Capodanno al bar Fuori Orario di Villa Bartolomea. Nella notte del 31 dicembre 2011 cinque uomini entrarono nel locale e puntarono le loro armi verso i gestori del locale, padre e figlia di nazionalità cinese, per portarsi via un bottino da 52mila euro.
Sono passati quasi otto anni ed uno dei cinque rapinatori è stato identificato. Come racconta TgVerona, un cittadino cinese di 49 anni, il capo della banda dei rapinatori, ha avuto di recente dei guai con la giustizia e le sue impronte digitali sono state schedate. Ed attraverso un confronto tra le sue impronte e quelle rilevate nel bar rapinato nel 2011 è stato possibile incastrare il 49enne, che ora è stato accusato di rapina aggravata e sequestro di persona.
Una svolta positiva nelle indagini che proseguiranno per tentare di identificare anche gli altri quattro rapinatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento