Drogata e abusata, tre arresti per "violenza sessuale di gruppo" su una minorenne

La giovane vittima, secondo le accuse, avrebbe assunto stupefacenti e poi sarebbe stata violentata. Ai domiciliari due uomini stranieri ventenni e una donna italiana di 31 anni

Violenza sessuale - immagine di repertorio

Nella mattinata odierna, venerdì 3 maggio, tra Trissino, Arzignano e San Bonifacio, i militari dell’aliquota carabinieri della sezione di polizia giudiziaria presso la Procura della Repubblica del tribunale di Vicenza e del nucleo investigativo del comando provinciale, capitanato dal colonnello Giuseppe Bertoli, hanno eseguito tre ordinanze di custodia cautelare agli "arresti domiciliari".

I destinatari delle ordinanze, eseguite con la collaborazione dei militari delle rispettive stazioni dei carabinieri locali, come riferito da VicenzaToday, sono due uomini di origine straniera di 27 e 28 anni, entrambi da diversi anni residenti in Italia, ma anche una donna italiana 31 enne.

Per loro l'accusa è di "violenza sessuale di gruppo", nei confronti di una ragazza minorenne. La situazione dei tre sarebbe inoltre aggravata dal fatto che la presunta violenza sarebbe avvenuta abusando della condizione di inferiorità fisica e psichica della giovane ragazza, indotta dall’uso di stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’evento sarebbe avvenuto alla fine dell’ottobre 2018, quando la ragazzina aveva solo 16 anni, all'interno dell’abitazione della donna. Dopo mesi di accurate quanto delicate indagini, la misura cautelare adottata è stata emessa dal gip del Tribunale di Vicenza, il dott. Massimo Gerace. Secondo quanto si apprende in queste fasi, la giovane si sarebbe trovata in compagnia di quelli che sarebbero poi divenuti i suoi aguzzini, poiché alcuni di loro già suoi conoscenti. Prima della presunta violenza, avrebbe assunto droghe di vario tipo che l'avrebbero infine resa incapace di qualsiasi reazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

  • Forti temporali attesi in Veneto: stato di attenzione anche nel Veronese

  • Mistero a Cerea, scoperti 17 morti in cimitero sepolti senza autorizzazione

Torna su
VeronaSera è in caricamento