Maltrattamenti domestici, donna a processo accusata da marito e figli

Reagiva in modo violento quando veniva contraddetta, lanciava oggetti contro il compagno, lo minacciava e lo picchiava. E per dispetto, serviva pasti troppo piccanti o addirittura conditi con delle feci

Foto di repertorio

Era stata denunciata dal marito e dai figli e per lei è cominciato il processo che si celebra in tribunale a Verona. È una donna marocchina di 54 anni, a cui vengono imputati i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e calunnia.

Ieri, 15 aprile, in aula ha testimoniato il figlio maggiore, come descritto da TgVerona. Il giovane ha confermato le violenze verbali e fisiche che si sarebbero ripetute per almeno cinque anni. La donna reagiva in modo violento quando veniva contraddetta, lanciava oggetti contro il marito, lo minacciava e lo picchiava. E confermati anche i dispetti che la donna faceva ai suoi familiari, come condire i pasti con abbondante peperoncino oppure anche con delle feci. La donna avrebbe, inoltre, picchiato anche la figlia di 19 anni.

La vicenda è sorta da una denuncia della 54enne che diceva che il marito era un estremista islamico, che la minacciava e che la costringeva a portare il velo. Una denuncia infondata che ha permesso poi agli investigatori di scoprire che l'"orco" in casa era in realtà un'"orchessa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento