Per la rapina di Castelvecchio arrivano subito le prime due condanne

Due dei sei imputati hanno patteggiato: uno è stato condannato a tre anni e 4 mesi, l'altro a un anno e otto mesi. Per gli altri quattro si procederà con il rito abbreviato

Primo giorno di processo e prime condanne per la rapina di Castelvecchio. Sei gli imputati, accusati di rapina a mano armata in concorso e sequestro di persona. Nell'udienza preliminare, come riporta l'Ansa, davanti al Gup Luciano Gorra, due degli imputati hanno patteggiato la condanna: il bresciano D.D. a tre anni e 4 mesi e il moldavo A.B. a un anno e otto mesi.

Rito abbreviato per gli altri quattro, tra cui figura la guardia giurata in servizio la sera dalla rapina, suo fratello gemello, la sua compagna moldava e un'altra persona di nazionalità moldava. Le altre persone arrestate lo scorso marzo hanno chiesto di essere processate in Moldavia. La prossima udienza è stata programmata per il 7 novembre.

"Ci ritroviamo nell’assurda situazione in cui si è aperto il processo ma dei 17 capolavori non abbiamo nessuna novità per il ritorno a Verona", questo l'amaro commento dell'onorevole veronese del M5S Mattia Fantinati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A quasi sei mesi dal ritrovamento, le preziose tele restano ancora in Ucraina - continua Fantinati - Una vicenda gestita male dal sindaco Tosi fin dal principio. Non ha salvaguardato i capolavori, ha solo pensato alla visibilità internazionale, conferendo al presidente Poroshenko la cittadinanza onoraria della città. Onorificenza che, continuo a ribadire, andrebbe tolta immediatamente, visti gli sviluppi della vicenda. In questi ultimi due mesi il primo cittadino, passando parola e responsabilità dapprima al ministro Franceschini per poi coinvolgere lo stesso Renzi, se ne è palesemente lavato le mani. Tosi ha dimenticato che i quadri, trafugati da quasi un anno, sono un patrimonio di tutti i veronesi e devono ritornare al più presto in città, senza se e senza ma. Chiederò il prima possibile un colloquio con l'ambasciatore ucraino in Italia per sollecitare il ritorno dei capolavori a Verona".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento