Curare un infarto, due veronesi collaborano per la ricerca

Il trattato è stato pubblicato su Nature Communications e d ha visto la partecipazione di Paolo Fumene Feruglio, dell'ateneo di Verona e Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche

Prevenire e curare l'infarto grazie alla comprensione del funzionamento del cuore, raggiunta in virtù di una nuova tecnica di microscopia che genera immagini dell'organo in tempo reale e con una risoluzione di altissimo livello.

È la ricerca che si è dimostrata meritovele di pubblicazione su Nature Communications, frutto del lavoro di Claudio Vinegoni, del Center for Systems Biology del Massachusetts General Hospital (Harvard University), e di Paolo Fumene Feruglio, dell’ateneo di Verona, in collaborazione con Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche dell’Ateneo scaligero.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Un'abitazione viene devastata dalle fiamme: nessuna persona ferita

    • Incidenti stradali

      Pedone travolto da un veicolo, viene trasportato all'ospedale di borgo Trento

    • Cronaca

      Donna uccisa a Legnago nel 2009, estradato il marito ritenuto colpevole

    • Cronaca

      "Sono stato rapinato da 3 banditi". Invece aveva speso tutto alle slot machines

    I più letti della settimana

    • Il bar White Goose di Bussolengo sotto sequestro: soddisfatta l'Amministrazione

    • Wifi unico con internet ad alta velocità, App cittadina e pali blu: è Verona SmartCity

    • Ladri sorpresi a rubare nelle case e messi in fuga: 19enne in manette

    • Ritrovata in Emilia l'insegnante di Nogara scomparsa da casa

    • Ryanair lancia 5 nuove rotte dall'aeroporto Catullo per la prossima estate

    • Perde il controllo dell'auto e finisce contro un albero: due persone in ospedale

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento