Curare un infarto, due veronesi collaborano per la ricerca

Il trattato è stato pubblicato su Nature Communications e d ha visto la partecipazione di Paolo Fumene Feruglio, dell'ateneo di Verona e Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche

Prevenire e curare l'infarto grazie alla comprensione del funzionamento del cuore, raggiunta in virtù di una nuova tecnica di microscopia che genera immagini dell'organo in tempo reale e con una risoluzione di altissimo livello.

È la ricerca che si è dimostrata meritovele di pubblicazione su Nature Communications, frutto del lavoro di Claudio Vinegoni, del Center for Systems Biology del Massachusetts General Hospital (Harvard University), e di Paolo Fumene Feruglio, dell’ateneo di Verona, in collaborazione con Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche dell’Ateneo scaligero.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      A4, rogo del bus ungherese. Un testimone: "Ho visto gente bruciare viva"

    • Cronaca

      Professore eroe perde entrambi i figli nell'inferno del bus ungherese

    • Incidenti stradali

      Esce di strada e muore nel trevigiano. La vittima è un veronese del '67

    • Cronaca

      Nuove forze del Soccorso Alpino e Speleologico Veneto a Farindola

    I più letti della settimana

    • Strage in A4: autobus si schianta, morti ragazzi tra i 14 e i 18 anni

    • Parroco di Bevilacqua si toglie la vita impiccandosi alla vigilia del Santo Patrono

    • Meningite, scoperto caso a Legnago. È una bambina di quasi 3 anni

    • San Giovanni Lupatoto, baciato dalla dea bendata centra 5 ambi da 50mila euro

    • Peschiera del Garda, frontale tra due auto. Una donna muore, due i feriti

    • Incidente a Peschiera, il responsabile era ubriaco. Scatta l'omicidio stradale

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento