Curare un infarto, due veronesi collaborano per la ricerca

Il trattato è stato pubblicato su Nature Communications e d ha visto la partecipazione di Paolo Fumene Feruglio, dell’ateneo di Verona e Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche

Prevenire e curare l'infarto grazie alla comprensione del funzionamento del cuore, raggiunta in virtù di una nuova tecnica di microscopia che genera immagini dell'organo in tempo reale e con una risoluzione di altissimo livello.

È la ricerca che si è dimostrata meritovele di pubblicazione su Nature Communications, frutto del lavoro di Claudio Vinegoni, del Center for Systems Biology del Massachusetts General Hospital (Harvard University), e di Paolo Fumene Feruglio, dell’ateneo di Verona, in collaborazione con Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche dell’Ateneo scaligero.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sport

    L'Hellas cade anche a Genova e per la salvezza ora serve un miracolo

  • Cronaca

    Scoppia una lite: ragazzo aggredito da tre persone portato in ospedale

  • Economia

    Fondazione Cariverona, approvato il bilancio 2017 con un attivo in crescita

  • Cronaca

    Si era intrufolata in due case lasciate aperte: smascherata ed arrestata

I più letti della settimana

  • Caso di meningite a Verona: ragazza non vaccinata portata in ospedale a Borgo Trento

  • Quattro medici di Verona inseriti nella lista dei trenta migliori di tutta Italia

  • Tragico scontro nelle strade di Bussolengo: morto sul posto un motociclista

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 20 al 22 aprile 2018

  • Genoa - Hellas Verona, le probabili formazioni | Fossati torna in gruppo

  • Scontri al Bentegodi: dopo l'arresto, arriva il Daspo per i 21 ultras romanisti

Torna su
VeronaSera è in caricamento