Curare un infarto, due veronesi collaborano per la ricerca

Il trattato è stato pubblicato su Nature Communications e d ha visto la partecipazione di Paolo Fumene Feruglio, dell'ateneo di Verona e Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche

Prevenire e curare l'infarto grazie alla comprensione del funzionamento del cuore, raggiunta in virtù di una nuova tecnica di microscopia che genera immagini dell'organo in tempo reale e con una risoluzione di altissimo livello.

È la ricerca che si è dimostrata meritovele di pubblicazione su Nature Communications, frutto del lavoro di Claudio Vinegoni, del Center for Systems Biology del Massachusetts General Hospital (Harvard University), e di Paolo Fumene Feruglio, dell’ateneo di Verona, in collaborazione con Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche dell’Ateneo scaligero.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Si ribalta con il mezzo per l'asfaltatura: ferito grave un operaio a Garda

    • Incidenti stradali

      Scontro tra auto in A22: cinque persone ferite, una in codice rosso

    • Cronaca

      Camper fermato con 23 kg di "fumo": sequestrati beni per oltre 1 milione di euro

    • WeekEnd

      Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 23 al 25 giugno

    I più letti della settimana

    • Vaccini, caso Gardaland: volantinaggio di Forza Nuova davanti all'ingresso

    • Famiglia aggredita e rapinata in casa durante la notte da tre criminali

    • Rissa in piazza Brà: spunta un video sul profilo Facebook di Matteo Salvini

    • Fiamme e fumo si alzano da un campo a Caselle: arrivano i vigili del fuoco

    • Negrar, l'ospedale Don Calabria inaugura la ristrutturata Cardiologia

    • M5S lancia l'allarme per la zona del Garda: "Forti odori nell'aria da Rivoli"

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento