Curare un infarto, due veronesi collaborano per la ricerca

Il trattato è stato pubblicato su Nature Communications e d ha visto la partecipazione di Paolo Fumene Feruglio, dell’ateneo di Verona e Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche

Prevenire e curare l'infarto grazie alla comprensione del funzionamento del cuore, raggiunta in virtù di una nuova tecnica di microscopia che genera immagini dell'organo in tempo reale e con una risoluzione di altissimo livello.

È la ricerca che si è dimostrata meritovele di pubblicazione su Nature Communications, frutto del lavoro di Claudio Vinegoni, del Center for Systems Biology del Massachusetts General Hospital (Harvard University), e di Paolo Fumene Feruglio, dell’ateneo di Verona, in collaborazione con Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche dell’Ateneo scaligero.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Influenza. 7 morti ma il picco è alle spalle: "Il sistema sanitario supera il test"

  • Cronaca

    Ubriaco, disturba i clienti del bar e se la prende con i carabinieri: arrestato

  • Cronaca

    Evasione fiscale da 8 milioni di euro: le denunce toccano anche il Veronese

  • Cronaca

    A Verona potrebbe essere sepolto un Gran Maestro dell'Ordine dei Templari

I più letti della settimana

  • Marito e moglie escono di strada sulla Transpolesana: gravissima la donna

  • Lazio - Hellas Verona, le probabili formazioni | "Dobbiamo dare il meglio di noi"

  • Incidente stradale tra mezzi pesanti: camion in fiamme e traffico bloccato

  • Ciclista passa col rosso al semaforo dopo aver superato l'auto dei vigili urbani: multa salata

  • Folle fuga nella notte a bordo della sua Jaguar: multa da 20 mila euro per una 36enne

  • Tamponamento tra furgone e tir sulla Transpolesana: 2 feriti ricoverati

Torna su
VeronaSera è in caricamento