Curare un infarto, due veronesi collaborano per la ricerca

Il trattato è stato pubblicato su Nature Communications e d ha visto la partecipazione di Paolo Fumene Feruglio, dell'ateneo di Verona e Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche

Prevenire e curare l'infarto grazie alla comprensione del funzionamento del cuore, raggiunta in virtù di una nuova tecnica di microscopia che genera immagini dell'organo in tempo reale e con una risoluzione di altissimo livello.

È la ricerca che si è dimostrata meritovele di pubblicazione su Nature Communications, frutto del lavoro di Claudio Vinegoni, del Center for Systems Biology del Massachusetts General Hospital (Harvard University), e di Paolo Fumene Feruglio, dell’ateneo di Verona, in collaborazione con Andrea Sbarbati del dipartimento di Scienze neurologiche dell’Ateneo scaligero.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Camion d'alimentari a fuoco nella notte sull'A22, coinvolta anche un'altra vettura

    • Cronaca

      Barriere contro i pedoni indisciplinati in piazza Bra: attenzione alle multe

    • Sport

      Chievo Verona - Napoli 1-3 | La sveglia suona tardi e la rimonta veronese non riesce

    • Cronaca

      Nato a Verona uno dei tre giovani morti sullo Chaberton a causa di una valanga

    I più letti della settimana

    • Verona guida la ricerca nella lotta ai tumori neuroendocrini del pancreas

    • Auto per Amatrice e Accumoli. Solo Volkswagen Italia risponde all'appello

    • Boato in stazione Porta Nuova. Crolla a terra una parte del controsoffitto

    • Ubriaco in pizzeria, non vuole uscire e minaccia tutti con una bottiglia di vetro

    • Siviglia a "portata d'aereo": Ryanair lancia la sua nuova rotta dal Catullo

    • Sorpreso da un arresto cardiaco in auto sulla Porcilana finisce fuori strada

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento