Due «occupazioni abusive» sulla spiaggia di Lazise: scattano le sanzioni della polizia

Secondo la polizia locale sarebbe stato «occupato in entrambi i casi illegalmente oltre 700 metri quadrati di demanio in assenza di alcun titolo autorizzatorio»

foto polizia Locale di Lazise

Nel pieno della stagione estiva, proseguono i controlli da parte degli agenti della locale di Lazise per contrastare le occupazioni abusive del demanio pubblico sulle sponde del lago. Nella giornata odierna, venerdì 9 agosto, la polizia di Lazise riferisce di aver rimosso in zona Pacengo ben 13 boe abusive e di aver sanzionato due natanti che vi ormeggiavano senza titolo.

Nella scorsa serata, rivela ancora il comando della polizia locale di Lazise, gli agenti avrebbero inoltre individuato e sanzionato due occupazioni irregolari di spiaggia demaniale. Secondo quanto riferito dalla polizia, si tratterebbe di decine di tavoli e panche, gonfiabili ed ombrelloni, oltre a due punti di somministrazione ed un palco per le esibizioni.

Le attrezzature, secondo quanto spiegato dal comando della polizia di Lazise, sarebbero state messe «a servizio di centinaia di avventori», e avrebbero «occupato in entrambi i casi illegalmente oltre 700 metri quadrati di demanio in assenza di alcun titolo autorizzatorio». La polizia precisa inoltre che «la somministrazione» sarebbe stata effettuata «indiscriminatamente a tutti i bagnanti e le sostanze alcoliche servite senza alcuna verifica dell’età dei clienti».

Entrando nello specifico, la polizia di Lazise riferisce inoltre che «in un caso era assicurato un servizio di assistenza bagnanti con ombrelloni e sdraio collocate previo pagamento sulla spiaggia che però è ad esclusivo utilizzo pubblico». Nel secondo caso, invece, secondo quanto precisato dal comando di Lazise, sarebbe stato «accertato lo svolgimento di uno "schiuma party" con sversamento direttamente nelle acque del lago».

«L’utilizzo di porzioni di demanio lacuale - spiega il comandante della polizia locale di Lazise, Dott. Gianfriddo - non è vietato a prescindere, ma necessita di appositi atti concessori che dettano precise prescrizioni volte a preservare la natura pubblica delle spiagge e la tutela delle acque del lago, nonché in caso di somministrazione e spettacoli la stessa incolumità degli avventori».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I controlli sul corretto utilizzo delle aree demaniali, fa sapere infine il Comando di Lazise, proseguiranno per tutto il mese di agosto e fino al termine della stagione. A svolgere i controlli sarà parte di personale appositamente formato che svolge servizio sia su natante che a piedi lungo le coste. I controlli da inizio stagione hanno fruttato la rimozione di 71 boe, la redazione di 7 verbali di illeciti amministrativi per somministrazioni di alimenti e bevande abusive , 19 verbali di esercizio abusivo di commercio su aree demaniali con il conseguente sequestro di 480 articoli posti in vendita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

  • Mistero a Cerea, scoperti 17 morti in cimitero sepolti senza autorizzazione

  • Coronavirus: tre i nuovi casi positivi in Veneto e due i morti, un decesso è a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento