Due «occupazioni abusive» sulla spiaggia di Lazise: scattano le sanzioni della polizia

Secondo la polizia locale sarebbe stato «occupato in entrambi i casi illegalmente oltre 700 metri quadrati di demanio in assenza di alcun titolo autorizzatorio»

foto polizia Locale di Lazise

Nel pieno della stagione estiva, proseguono i controlli da parte degli agenti della locale di Lazise per contrastare le occupazioni abusive del demanio pubblico sulle sponde del lago. Nella giornata odierna, venerdì 9 agosto, la polizia di Lazise riferisce di aver rimosso in zona Pacengo ben 13 boe abusive e di aver sanzionato due natanti che vi ormeggiavano senza titolo.

Nella scorsa serata, rivela ancora il comando della polizia locale di Lazise, gli agenti avrebbero inoltre individuato e sanzionato due occupazioni irregolari di spiaggia demaniale. Secondo quanto riferito dalla polizia, si tratterebbe di decine di tavoli e panche, gonfiabili ed ombrelloni, oltre a due punti di somministrazione ed un palco per le esibizioni.

Le attrezzature, secondo quanto spiegato dal comando della polizia di Lazise, sarebbero state messe «a servizio di centinaia di avventori», e avrebbero «occupato in entrambi i casi illegalmente oltre 700 metri quadrati di demanio in assenza di alcun titolo autorizzatorio». La polizia precisa inoltre che «la somministrazione» sarebbe stata effettuata «indiscriminatamente a tutti i bagnanti e le sostanze alcoliche servite senza alcuna verifica dell’età dei clienti».

Entrando nello specifico, la polizia di Lazise riferisce inoltre che «in un caso era assicurato un servizio di assistenza bagnanti con ombrelloni e sdraio collocate previo pagamento sulla spiaggia che però è ad esclusivo utilizzo pubblico». Nel secondo caso, invece, secondo quanto precisato dal comando di Lazise, sarebbe stato «accertato lo svolgimento di uno "schiuma party" con sversamento direttamente nelle acque del lago».

«L’utilizzo di porzioni di demanio lacuale - spiega il comandante della polizia locale di Lazise, Dott. Gianfriddo - non è vietato a prescindere, ma necessita di appositi atti concessori che dettano precise prescrizioni volte a preservare la natura pubblica delle spiagge e la tutela delle acque del lago, nonché in caso di somministrazione e spettacoli la stessa incolumità degli avventori».

I controlli sul corretto utilizzo delle aree demaniali, fa sapere infine il Comando di Lazise, proseguiranno per tutto il mese di agosto e fino al termine della stagione. A svolgere i controlli sarà parte di personale appositamente formato che svolge servizio sia su natante che a piedi lungo le coste. I controlli da inizio stagione hanno fruttato la rimozione di 71 boe, la redazione di 7 verbali di illeciti amministrativi per somministrazioni di alimenti e bevande abusive , 19 verbali di esercizio abusivo di commercio su aree demaniali con il conseguente sequestro di 480 articoli posti in vendita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento