Polizia ferroviaria contro il terrorismo, ma gli agenti sono sprovvisti di giubbotti salvavita

Ogni giorno, gli agenti della polfer di Verona sono chiamati a garantire la sicurezza nelle stazioni ferroviarie, anche in caso di terrorismo, ma sono privi di mezzi adeguati

La vita nella stazione ferroviaria di Verona è sempre più difficile tra le minacce dei terroristi e i migranti che cercano di lasciare l'Italia. A farne le spese anche e soprattutto gli agenti della Polizia Ferroviaria, che attraverso il segretario provinciale del sindacato Silp, Cristian Truzzi, su L'Arena denuncia la mancanza di mezzi a disposizione per garantire la sicurezza dei cittadini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa la dichiarazione di Truzzi su L'Arena: "Non possiamo tacere che sono anni che la polizia ferroviaria è sprovvista di un auto specializzata per il trasporto dei fermati. Attualmente ogni trasferimento con a bordo un fermato è effettuato con una Fiat Panda mettendo in serio pericolo l’incolumità degli operatori. Ma ben più grave di tutto è la mancanza di giubbotti antiproiettile. Dopo la scadenza e il contestuale ritiro di quelli posseduti, attualmente il settore operativo di Verona ha in dotazione solo due giubbotti antiproiettile. Due per otto operatori. Come possono affrontare l’allarme di questi giorni e situazioni potenzialmente pericolose operatori sprovvisti di difesa? La situazione diventa assurda se si pensa che tutto sommato la polfer di Verona è fortunata considerato che quelle di Peschiera e Legnago sono completamente sprovvisti di giubbotti. Lasciamo perdere le divise vecchie 15 anni ormai logore, bucate e rammendate e mai sostituite e che sicuramente non rendono efficiente il lavoro di chi è chiamato ad indossarle. Glissiamo anche sulle cartucce potenzialmente pericolose e frettolosamente sostituite. La sicurezza della stazione è un impegno di non poco conto considerato che a doverlo svolgere sono chiamati mediamente otto operatori per turno che, sempre mediamente, hanno 45 anni. Mediamente otto perché, come detto, alcuni operatori sono sottratti alla vigilanza dello scalo scaligero e inviati al Brennero o come è successo vengono distratti dai loro compiti e chiamati a vigilare la caserma compartimentale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Dramma in Transpolesana nella notte: un uomo trovato morto dopo malore alla guida

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Dolore a Pressana e Cologna per la morte di Arianna Fin, madre di due bimbe

  • Zoppicando attira l'attenzione dei carabinieri, aveva 19 dosi di eroina negli slip

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

Torna su
VeronaSera è in caricamento