Polfer, stazioni ferroviarie passate al setaccio e 300 persone identificate

Le dodici ore consecutive di controlli hanno interessato Verona, Trento, Vicenza e Bolzano: a Porta Nuova sono stati fermati due stranieri non in regola con le norme sul soggiorno

I controlli della Polfer

Dodici ore consecutive di controlli straordinari eseguiti, grazie all’azione comune svolta simultaneamente nelle principali stazioni ferroviarie delle quattro province di competenza del Compartimento Polizia Ferroviaria “per Verona ed il Trentino Alto Adige”: Verona, Vicenza, Trento e Bolzano.

Gli agenti della Polizia Ferroviaria hanno identificato oltre 300 persone nell’ambito del servizio a livello europeo denominato “Rail Safe Day”, dedicato alla sicurezza nelle località più sensibili individuate nella rete ferroviaria, nei 17 paesi europei che aderiscono a “RAILPOL” (European Association of Railway Police Forces).

25.01.2020.Polfer Rail Action Day-2

I controlli sono stati svolti in tutti i luoghi delle località ritenuti più critici e nelle aree di maggiore affollamento. Inoltre sono stati estesi in generale, anche a bordo dei treni in fermata nel territorio di competenza del Compartimento, monitorando costantemente il flusso dei viaggiatori in arrivo e partenza dagli scali ferroviari con controlli a campione nei confronti delle persone e dei bagagli al seguito, con il prezioso contributo dei cani antidroga della Guardia di Finanza di Villafranca di Verona, Vicenza e Bolzano.
Il servizio ha impegnato complessivamente di 65 operatori in 11 stazioni ferroviarie.

Sempre nel corso dei servizi è stata sequestrata anche della cannabis per uso personale nei confronti di due persone che verranno segnalate al Prefetto per la sanzione amministrativa; un terzo soggetto verrà denunciato all’autorità giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio di 26 grammi di hashish.
Tra le persone fermate a Porta Nuova, sono stati identificati due stranieri non in regola con le norme sul soggiorno; gli stessi sono stati posti a disposizione dell'Ufficio Immigrazione che ha emesso nei loro confronti un ordine di allontanamento dal territorio nazionale disposto dal Questore.
Nella stazione di Vicenza, alcune persone trovate ad elemosinare in forma molesta o a fare accattonaggio, sono state allontanate, applicando loro le misure di Polizia previste da Ordinanza Comunale o dalla Legge 14/2017 (ordine di allontanamento).

13.02.2020 - Polfer - Controlli3-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento