Maso è pericoloso, ne è sicuro il procuratore Schinaia. In apprensione le sorelle

Per la sorelle di Pietro, Laura e Nadia Maso, la situazione è la stessa di 25 anni fa. Per questo hanno segnalato la tentata estorsione alle autorità

Come 25 anni fa. La stessa situazione psicologica di quando Pietro Maso ha ucciso i genitori. Per questo le sorelle di Maso, Nadia e Laura, hanno segnalato alle autorità il tentativo di estorsione. Così l'avvocato Agostino Rigoli ha motivato la scelta delle sue assistite a TGVerona. "Hanno rivisto le stesse anomalie di comportamento - ha proseguito Rigoli - quei disturbi della personalità che, all'epoca del processo vennero diagnosticati come disturbo bipolare da parte del professor Andreoli".

Sulla vicenda è intervenuto anche il procuratore di Verona, Mario Giulio Schinaia, che non è entrato nei dettagli ma ha spiegato: "Quando una richiesta del genere la fa chi si è già macchiato di un delitto, si considera questo soggetto come più pericoloso di altri. Le sorelle di Pietro Maso hanno mandato una lettera-esposto dicendo che il fratello, Pietro, continua a chiedere soldi. La tentata estorsione è verso di loro". Schinaia non crede all'ipotesi che la vittima sia una terza persona.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il panettone più buono secondo Iginio Massari? Lo produce un pasticciere veronese

  • Incidente mortale a Verona: auto contro un muro, perde la vita un 47enne di Cerea

  • Tocca il cordolo in moto, cade e muore: la stanchezza la possibile causa

  • L'auto finisce contro un muro: muore padre di due bambine nell'incidente a Ca' di David

  • Incidente a Sant'Ambrogio di Valpolicella: muore motociclista dopo la caduta

  • Sfonda la recinzione stradale con un camion e vola per 7 metri dal ponte di viale delle Nazioni

Torna su
VeronaSera è in caricamento