Pietro Maso: "Ho scritto una lettera al Papa, dopo pochi giorni mi ha chiamato"

Il protagonista di uno dei più discussi casi di cronaca nera avvenuti a Verona, ha rilasciato un'intervista al giornale Chi che andrà in edicola il 20 gennaio

Uscirà il gennaio in edicola il nuovo numero del settimanale Chi, dove sarà presente un'intervista a Pietro Maso, l'uomo protagonista nel 1991 di uno dei fatti di cronaca nera più discussi. 
A riportare la notizia è Ansa, che cita anche una parte delle dichiarizioni del 44enne: "Ho scritto una lettera al Papa in cui mi scusavo per quello che ho fatto 25 anni fa e pregavo per la pace. Dopo qualche giorno ha suonato il telefono: 'Sono Francesco, Papa Francesco'. Ora dedicherò la mia vita agli altri".
Insieme a tre complici, Maso massacrò i genitori il 17 aprile del 1991 a Montecchia di Crosara, all'età di 20 anni, per intascarne l'eredità e scontò poi una pena di 22 anni in carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

  • Aveva un tumore al collo, neonata operata durante il parto a Verona

  • Verona e le sue bellezze storiche e culturali approdano in tv sulla Rai

Torna su
VeronaSera è in caricamento