Pfas nel sangue dell’80% dei quattordicenni in zona rossa: "Risultati drammatici"

Legnago, Cologna Veneta, Albaredo e Bonavigo sono i paesi della provincia veronese che rientrano nella cosiddetta "zona rossa" per quanto riguarda l'inquinamento da Pfas

I primi esami del sangue, effettuati in cinquanta ragazzi di 14 anni residenti nella “zona rossa”, hanno evidenziato una presenza anomala di Pfoa (Acido Perfluoro Ottanoico) pari a una media di circa 64 nanogrammi/grammo, contro una media di 2-3 nanogrammi presente nelle persone monitorate al di fuori dell’area dell’inquinamento.

"I dati relativi ai prelievi di sangue dell’80% dei quattordicenni della cosiddetta zona rossa interessata in Veneto dagli sversamenti della ditta Miteni nelle acque regionali, mostrano un risultato pari a 64 nanogrammi di sostanze Pfas (perfluoroalchiliche) nel sangue.” - Ha commentato l’onorevole Mattia Fantinati del M5S - “Un dato preoccupante pari a 30 volte superiore a quello normale che, per essere smaltito completamente, avrebbe bisogno almeno di 20 anni.”

“I Pfas purtroppo sono riconosciuti come interferenti endocrini correlati a patologie riguardanti pelle, polmoni e reni.” – Ha poi proseguito allarmato l'On. Fantinati – “Non eravamo stati rassicurati dal governatore Zaia in merito all'utilizzo dei nuovi filtri? I dati riscontrati danno ovviamente torto a tali annunci politici perché dallo stabilimento della Miteni a Trissino (Vicenza), continua la produzione di sostanze a catena corta, che, secondo gli esperti, sono più pericolose di quelle a catena lunga prodotte in passato; sostanze che, in pratica, oltrepassano i filtri che erano stati pensati per la vecchia produzione. Il governatore del Veneto non vuole ammettere e capire che la situazione attuale è grave e che urge una soluzione immediata per la salvaguardia della salute dei cittadini veneti interessati. Ci auguriamo che a partire da oggi, Zaia pensi meno alla futura poltrona romana e si concentri maggiormente sul suo attuale ruolo di Governatore”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla vicenda è intervenuto inoltre anche Federico Castelletto, consigliere comunale a Legnago per il M5S: “Il Comune di Legnago è uno dei comuni veronesi rientranti nella zona rossa che comprende anche Cologna Veneta, Albaredo e Bonavigo. A oggi non è stato effettuato nessun monitoraggio, nessun controllo o analisi sulla popolazione coinvolta. Non a caso il 24 febbraio nel consiglio comunale straordinario, discuterò della mia interrogazione in merito depositata più di un mese fa. Vogliamo risposte immediate e soluzioni subito, non possiamo perdere altro tempo a causa dell’inerzia della politica e della burocrazia; è una questione che riguarda la nostra salute e quella dei nostri figli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento