Pfas, Miteni sui dati Arpav: "Dimostrano che non siamo noi il problema"

L'azienda di Trissino viene ritenuta la principale responsabile della contaminazione, ma replica "secondo il monitoraggio dell'Arpav noi contribuiamo solo all'1% dell'inquinamento"

Due pubblicazioni importanti per la vicenda dell'inquinamento da Pfas nel Veneto. Nel giro di dieci giorni, tra la fine di marzo e l'inizio di aprile, è stato prima pubblicato da Arpav il monitoraggio sulla presenza di Pfas nelle acque superficiali del Veneto e poi sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto sullo stato di emergenza. Con questo decreto dovrebbero arrivare da Roma fondi straordinari per la realizzazione di nuove condutture per portare ai cittadini acqua non proveniente da fonti contaminate.

Tutto questo mentre le associazioni di cittadini in lotta contro l'inquinamento da Pfas hanno organizzato per domenica 22 aprile una manifestazione dal titolo "DifendiAmo Madre Terra - Verso la prima giornata nazionale contro i crimini ambientali". Il luogo prescelto per manifestare è Trissino, nel vicentino, davanti all'azienda Miteni, ritenuta la principale responsabile della contaminazione. Miteni che però oggi, 9 aprile, dopo aver letto i dati pubblicati da Arpav, si difende.

La presenza di Pfas nel 2017 al collettore Arica dimostra una costante presenza di queste sostanze in concentrazioni anche centinaia di volte più elevate rispetto al contributo di Miteni - scrivono dall'azienda - È la dimostrazione definitiva che oggi e in passato ci sono altre fonti di inquinamento che nulla hanno a che vedere con noi. Miteni ha smesso di produrre C8 da sette anni ma queste sostanze continuano a essere presenti negli scarichi di Arica. Se si considerano tutti i Pfas, lo scarico Arica misura 692,5 ng per litro e il contributo totale di Miteni è dello 0,89% con 5,98 ng per litro. Questi dati dimostrano che Miteni è nei fatti del tutto marginale nella diffusione di Pfas. Anche per i Pfas a catena corta, che Miteni pur produce, il dato è chiarissimo: al collettore Arica, la concentrazione è di 297,5 ng per litro e Miteni contribuisce per il 1,9% con 5,6 ng per litro. A fronte di queste evidenze, appare paradossale vi sia ancora oggi chi ritiene Miteni il problema. I fatti dicono che è l'unica azienda del territorio che sta togliendo Pfas dall'ambiente con la bonifica e la depurazione a fronte di numerose imprese che li utilizzano e che sulla base dei dati ora divenuti ufficiali rappresentano oltre il 99% della fonte di contaminazione.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia in un'azienda di Lonigo: muore un 36enne residente a San Giovanni Ilarione 

  • Cronaca

    ​Maxi blitz di polizia e carabinieri in Veronetta, presente il sindaco. Verifiche in tutti i negozi

  • Cronaca

    Incidente in piscina: una bambina di cinque anni in ospedale per trauma cranico

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 25 al 27 maggio 2018

I più letti della settimana

  • Chiara non ce l'ha fatta: è morta la 18enne caduta nell'area della funicolare

  • Pfas, la Regione ridisegna le aree ed estende lo screening tra i minorenni

  • San Pietro in Cariano, scomparsa donna di 82 anni. Figli lanciano un appello

  • Disperso sul Baldo, ritrovato il corpo senza vita del parroco di Caprino

  • Turisti ubriachi devastano un bar a Lazise: sette denunciati per furto e danneggiamento

  • Trovata in un vigneto la donna di 82 anni scomparsa a San Pietro in Cariano

Torna su
VeronaSera è in caricamento