Pfas, M5S in Procura: "Porre sotto sequestro la Miteni e avviare la bonifica"

I rappresentati veneti del Movimento 5 Stelle hanno incontrato il Procuratore vicentino Antonino Cappelleri, in merito all'inquinamento che ha colpito tre province della Regione

Porre sotto sequestro la Miteni e avviare una bonifica approfondita del sito produttivo. L'hanno chiesto oggi, 7 maggio, i rappresentanti veneti del Movimento 5 Stelle al Procuratore capo della Procura della Repubblica di Vicenza, Antonino Cappelleri, sulla base dei nuovi elementi che sono emersi sulla vicenda del Pfas negli ultimi mesi.

La salute dei cittadini va messa al primo posto – spiega Sonia Perenzoni, consigliera comunale di Montecchio Maggiore - chiediamo il sequestro dell'azienda perché non si può bonificare il terreno sottostante senza togliere la Miteni stessa. Vogliamo ricordare inoltre che non è in corso alcuna bonifica, stanno solo facendo una caratterizzazione del sito.

Il “pastiglione” sepolto sotto la Miteni non è raggiungibile fino a quando l'impianto non sarà chiuso – le fa eco la deputata Sara Cunial - il bene primario deve essere quello della salute, che in questo caso così grave va prima anche di quello al lavoro. Anche perché sono i lavoratori stessi a chiederci di essere tutelati, sia dal punto di vista dell'occupazione che da quello della salute.

I lavoratori hanno nel sangue valori altissimi, 10 volte superiori a quelli dei cittadini – ricorda Manuel Brusco, consigliere regionale e presidente della commissione consiliare che si occupata dei Pfas – loro stessi ci hanno chiesto più volte di aiutarli, anche dal punto di vista occupazionale. Stiamo parlando di un'emergenza che colpisce 200 mila cittadini, forse anche di più.

Abbiamo portato al procuratore le istanze del territorio, dei comitati e di tutti i gruppi che stanno lavorando su questo enorme problema – sottolinea la deputata Francesca Businarolo - le indagini si stanno concludendo e noi sosterremo la Procura in tutti i modi, perché è arrivato il momento di affrontare questa questione in modo definitivo. È arrivato il momento di avere coraggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Terribile frontale tra auto e camion nella notte: perde la vita un 34enne

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

Torna su
VeronaSera è in caricamento