Pfas. Greenpeace protesta a Venezia, carabinieri nella Miteni di Trissino

Gli attivisti dell'associazione si sono messi in azione questa mattina, mentre i militari ieri hanno acquisito documenti dell'azienda che si sperano siano utili per l'inchiesta della procura di Vicenza

Nuovo attacco di Greenpeace alla Regione Veneto sulla questione Pfas. Dopo aver minacciato di voler denunciare l'ente regionale per omissione di atti d'ufficio, gli attivisti dell'associazione si sono messi in azione questa mattina, 9 marzo, a Venezia, davanti a Palazzo Balbi. La richiesta degli attivisti è di fermare subito gli scarichi di Pfas in Veneto. Una richiesta simile a quella del M5S. I 5 Stelle sono in lotta aperta con la ditta Miteni di Trissino, finora ritenuta la causa dell'inquinamento che riguarda un ampio territorio tra le province di Verona, Vicenza e Padova.

Proprio la Miteni, ieri, 8 marzo, dalle 9 del mattino, ha ricevuto la visita dei carabinieri del Noe (nucleo operativo ecologico) per acquisire documenti dell'azienda che possono essere utili all'inchiesta della procura di Vicenza, dove sono state unificate le indagini per il reato di inquinamento ambientale che vedono al centro alcuni manager della ditta di Trissino raggiunti nei mesi scorsi dagli avvisi di garanzia. "Il clima è di totale collaborazione - hanno fatto sapere dalla Miteni - I tecnici hanno affiancato i carabinieri per illustrare le specifiche procedure aziendali, i sistemi di gestione, controllo e sicurezza, e per consentire la più efficace identificazione dei documenti utili per gli accertamenti. La presenza dei carabinieri del Noe nello stabilimento, siamo certi che consentirà di fare ulteriore chiarezza sullo scrupoloso operato dell'azienda che ha sempre lavorato nel rispetto delle leggi, anticipando in forma volontaria interventi di ambientalizzazione anche quando non erano nemmeno richiesti o prescritti".

Potrebbe interessarti

  • Formiche in casa? Ecco la guida che vi aiuterà a liberarvene

  • Must have moda estate 2019: i consigli dell'esperto

  • Da borgo Roma parte l'approccio multidisciplinare ai disturbi motori funzionali

  • I 7 "must have" dell'estate 2019

I più letti della settimana

  • Strano viavai da un bar, scatta il blitz: trovata della cocaina, 46enne arrestata

  • Si guasta l'auto e viene investito: un morto e un ferito a Verona dopo l'incidente sulla T4-T9

  • Dopo Israele e Regno Unito, Gardaland mette nel mirino il mercato cinese

  • Shopping a prezzi ribassati, arrivano i saldi estivi: quando iniziano a Verona e consigli utili

  • In Veneto ci sono 73.812 inadempienti all'obbligo vaccinale, Burioni: «Terrorizzante»

  • Bimba in Rianimazione a Verona dopo infezione da tetano: «Condizioni stazionarie»

Torna su
VeronaSera è in caricamento