Pfas e donne in gravidanza. Coletto: "I nostri interventi sono stati utili"

L'assessore regionale alla sanità: "Il fenomeno del sottopeso nei neonati, è scomparso nel 2014 e 2015, dopo l'attivazione dei filtri negli acquedotti nel 2013"

"Bene le mozioni, ma anche meglio le azioni che la regione sta mettendo in atto fin dall'inizio della vicenda".

L'assessore regionale alla sanità Luca Coletto ha commentato l'approvazione in consiglio regionale della mozione del consigliere di minoranza Cristina Guarda per fornire ai cittadini più interessati dall'inquinamento da Pfas maggiori informazioni sugli accorgimenti da usare per limitare gli effetti nocivi di queste sostanze. La mozione è volta soprattutto a tutelare le donne in gravidanza su cui la regione, spiega Coletto, ha previsto comunque uno screening specifico. "Gli interventi che abbiamo adottato sono stati utili - ha dichiarato Coletto - Il fenomeno del sottopeso nei neonati, rilevato negli anni precedenti, è scomparso nel 2014 e 2015, dopo l'attivazione dei filtri negli acquedotti nel 2013. Gestanti e mamme sono inoltre già coperte dallo screening avviato sui residenti della zona rossa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto il M5S veneto continua a tenere alta la guarda e ha chiesto le analisi sul percolato prodotto dai siti di conferimento di rifiuti dell'ovest vicentino e dei fanghi di depurazione, prodotti dei 5 depuratori consortili che si immettono all'interno del tubone Arica, chiedendo nello specifico la quantificazione dei Pfas in entrambi i casi. "Tra le sostanze inquinanti prodotte da questi impianti ci sono ovviamente anche i Pfas - ha dichiarato il consigliere 5 Stelle Manuel Brusco - Vogliamo sapere in che misura, dato che non abbiamo informazioni specifiche al riguardo. Ciò non toglie che il nostro principale obiettivo nella lotta ai Pfas resta la Miteni, la quale secondo Arpav è responsabile del 97% dei Pfas presenti nelle nostre acque".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Fatture false per evadere l'Iva, sequestri per 74 milioni ad azienda veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento