Pfas, la Commissione incontra Bottacin: "È stata una riunione molto proficua"

Il presidente dell'organo istituito all'interno del Consiglio regionale, Manuel Brusco, si è detto soddisfatto del primo incontro che si è tenuto lunedì 11 settembre e al quale ha partecipato l'assessore all’ambiente

Si è tenuta nella giornata di lunedì 11 settembre la prima riunione della Commissione conoscitiva sui Pfas, istituita in seno al Consiglio regionale del Veneto ed insediatasi alla fine del mese di agosto.
Presidente della Commissione, è il Consigliere Manuel Brusco (M5S), al cui fianco siedono il Vicepresidente Alberto Villanova (Zaia Presidente) ed il Consigliere segretario Alessandro Montagnoli (Lega Nord); completano la composizione dell'organo i Consiglieri Massimiliano Barison (Forza Italia), Sergio Berlato (Fratelli d’Italia-AN-MCR), Antonio Guadagnini (Siamo Veneto), Maurizio Conte (Veneto per l’Autonomia), Cristina Guarda (Alessandra Moretti Presidente) e Andrea Zanoni (Partito Democratico).

All’Ordine del giorno della Commissione, chiamata ad effettuare un’indagine conoscitiva sulle acque inquinate del Veneto in relazione alla contaminazione di sostanze perfluoroalchiliche (in breve, PFAS), l’incontro con l’Assessore regionale all’ambiente Gianpaolo Bottacin e le strutture regionali coinvolte dalla questione, quali l’area tutela e sviluppo del territorio, l’unità organizzativa servizio idrico integrato e tutela delle acque, l’Unità organizzativa bonifiche ambientali e progetto Venezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È stata una riunione molto proficua - ha dichiarato a margine dei lavori il Presidente Brusco - caratterizzata dalla presenza dell’Assessore regionale all’ambiente Gianpaolo Bottacin e della competente struttura regionale. Sono emersi i primi punti fermi: innanzitutto, si è fatto ordine relativamente a ciò che è stato compiuto dalla Regione sulla questione Pfas sia nei confronti dei ministeri, sia nei confronti degli altri enti sovraordinati. Sono stati inoltre approfonditi, con l’ausilio dei tecnici preposti, i temi della bonifica dei siti contaminati e degli interventi regionali volti a garantire acqua potabile a tutti i cittadini coinvolti, con particolare riferimento alla cosiddetta ‘zona rossa’. Il programma dei lavori della Commissione prevede che, a partire dalla prossima seduta, fissata per lunedì, stante la disponibilità dell’Assessore alla sanità Luca Coletto e delle strutture sanitarie afferenti, ci si occupi della parte più prettamente sanitaria legata al tema della contaminazione da Pfas”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento