Perseguita e picchia la ex, i carabinieri lo fermano mentre la pedina

Secondo quanto raccontato dalla donna, l'incubo andava avanti da circa un mese, ovvero da quando la loro relazione era finita e lui aveva iniziato ad accusarla di averlo tradito

A partire dalla fine della loro relazione, conclusasi ai primi di ottobre, avrebbe continuato a perseguitarla fino alla serata del 6 novembre, quando i carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Verona sono intervenuti arrestandolo. Si tratta di un italiano 43enne, pregiudicato, che da quando ha interrotto la propria love story, circa un mese fa, avrebbe continuato ad accusare la ex compagna di origini romene di averlo tradito. Per questa ragione, secondo quanto riferito dall'Arma, la donna sarebbe stata oggetto di continui atti persecutori, consistiti in in appostamenti ed irruzioni nella propria abitazione, messaggi e chiamate a qualsiasi ora del giorno e della notte, percosse e violenze fisiche, che l'avrebbero costretta a cambiare la serratura della porta di casa e a modificare le proprie abitudini di vita.

Era il tardo pomeriggio di martedì quando al 112 è arrivata una richiesta di intervento per una lite, proprio dall'abitazione della donna. Sul posto allora si è subito diretto un equipaggio, il quale ha trovato la vittima da sola in casa in evidente stato di shock, tra ansia e lacrime. Sconvolta, ha raccontanto ai militari quanto accaduto, decidendosi infine a farsi visitare e a sporgere denuncia in caserma. 
Proprio in quel momento però, è accaduto qualcosa che gli uomini dell'Arma non avevano previsto. Infatti non appena la donna è uscita con la propria auto dal cortile, i carabinieri hanno scorto una Fiat Punto che si è subito messa alle costole della vettura, come a volerla pedinare. Gli operanti sono dunque intervenuti fermando il veicolo e scoprendo al guida vi era proprio il 43enne. 

Arrivata in caserma, la donna ha denunciato tutte le persecuzioni che avrebbre subito nell'ultimo mese e al termine degli atti rito, l'italiano è stato arrestato in flagranza di reato per stalking. Mercoledì si è svolta anche la direttissima, al termine della quale il giudice ha convalidato il provvedimento e disposto la misura degli arresti domiciliari per l’uomo, fino a febbraio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Fatture false per evadere l'Iva, sequestri per 74 milioni ad azienda veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento