Strage del bus ungherese sulla A4, Aifvs: «La nostra perizia è agli atti»

Alberto Pallotti, presidente dell'Associazione Italiana Famigliari e Vittime della Strada: «Primo caso in cui una onlus fornisce dati funzionali alla ricostruzione di un incidente stradale oltre a costituirsi parte civile al fianco di vittime e familiari»

Incendio del bus ungherese dopo l'incidente

Ieri, 20 settembre, si è tenuta nel tribunale di Verona l'udienza sulla strage del bus ungherese, che il 20 gennaio 2017 andò a sbattere contro un pilone di cemento dall'autostrada A4, all'altezza di San Martino Buon Albergo, provocando un incendio e causando la morte di 17 persone, tra cui 11 studenti. L'autobus, infatti, trasportava studenti e professori che stavano ritornando a Budapest dopo una gita scolastica.
Gli indagati per la strage sono sei, tra cui l'autista del mezzo che è sopravvissuto. Sarebbe stato un suo colpo di sonno a provocare l'incidente, ma tra le concause ci potrebbe essere anche la poca distanza tra il pilone autostradale e il guardrail. 

L'udienza di ieri si è conclusa con un rinvio al prossimo 24 gennaio, concesso dal giudice per permettere agli avvocati difensori di visionare una perizia tecnica svolta da una onlus, l'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada (Aifvs), la quale era presente ieri nel tribunale scaligero con il proprio presidente Alberto Pallotti e con il legale Davide Tirozzi.

Si tratta del primo caso in cui un'associazione fornisce dati funzionali alla ricostruzione di un incidente stradale oltre a costituirsi parte civile al fianco di vittime e familiari - ha dichiarato Pallotti - Inoltre, ho anche scritto al ministro della giustizia Alfonso Bonafede, esternando preoccupazione per i probabili tempi processuali. Si è ancora fermi alla definizione del rito, nonostante i quasi tre anni dall'incidente. E la risposta istituzionale non si è fatta attendere, così come la promessa a vigilare sul caso.
Lotteremo a denti stretti per la giustizia. Abbiamo presentato una perizia, che ci è costata moltissimo, per dimostrare la responsabilità di Autostrade e del conducente del mezzo. Abbiamo chiesto un milione di euro che, a verdetto emesso, devolveremo alle famiglie poiché, pur avendo subito un danno che deve essere loro risarcito, il nostro intento non è speculativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'avvocato Tirozzi è stato soddisfatto della decisione del giudice di non estromettere le parti civili dal processo. E in relazione alla quantificazione del risarcimento percepito da alcuni familiari, l'avvocato è chiaro: «La cifra ricevuta da Groupama Ungheria, senza, tra l'altro, l'assistenza di un legale di fiducia, è assolutamente irrisoria. Quest'ultima è stata, infatti, applicata a dispetto del dettame normativo e delle convenzioni internazionali in essere. Dovevano essere applicate le tabelle risarcitorie vigenti in Italia sia per i soggetti aventi diritto al risarcimento, sia per l'ammontare del medesimo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Zoppicando attira l'attenzione dei carabinieri, aveva 19 dosi di eroina negli slip

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

Torna su
VeronaSera è in caricamento