Argentina, abusi sui bambini del Provolo: condannato don Nicola Corradi

La pena per l'85enne inflitta dalla giustizia argentina è di 42 anni anni di carcere. Condannati, insieme a lui, anche altri due imputati, più un terzo giudicato con rito abbreviato

Don Nicola Corradi (Fermo immagine video Youtube)

Per lui era stata chiesta una pena di 45 anni anni di carcere. Il giudice ne ha inflitti 42. Ieri mattina, 25 novembre, il prete veronese don Nicola Corradi, 85 anni, è stato condannato, insieme ad altri due imputati, per aver abusato sessualmente dei bambini disabili affidati all'istituto Provolo di Lujàn de Cuyo, a Mendoza in Argentina. L'altro sacerdote alla sbarra, don Horacio Corbacho, 62 anni, è stato condannato a 45 anni, mentre per l'ex giardiniere dell'istituto Armando Gomez la condanna è stata di 18 anni.

Come riportato dal sito argentino Mdz, a queste tre condanne bisogna aggiungere quella a dieci anni di reclusione per Jorge Bordon, un altro collaboratore del Provolo di Mendoza, dichiarato colpevole di undici abusi in un processo celebrato con rito abbreviato.

Gli abusi si sarebbero consumati tra il 2000 e il 2009 e quando le vittime avevano tra i 10 e i 12 anni. E nelle pene inflitte a Corradi e Corbacho è compresa l'aggravante del fatto che i due erano sacerdoti e avevano il compito di prendersi cura dei bambini. Le vittime potranno godere di cure gratuite e il loro rientro in società sarà agevolato.

La lettura della sentenza di condanna per don Corradi e gli altri è stata diffusa attraverso un video Youtube dall'onlus italiana che ha sempre seguito il caso, la Rete L'Abuso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento