Fermati dopo l'incidente con patente falsa: uno la presenta per il ricorso

Due distinti episodi hanno portato la Polizia locale ha sequestrare altrettante patenti di guida: un ghanese e un ucraino ora sono indagati per il reato di uso di atto falso. Il primo è stato accusato anche di falso ideologico

Immagine di repertorio

La Polizia locale, questa settimana, ha sequestrato due patenti false ad altrettanti cittadini stranieri che, nei mesi scorsi, erano stati coinvolti in incidenti stradali. Entrambi i conducenti, un ghanese e un ucraino, ora sono indagati per il reato di uso di atto falso e il ghanese anche per falso ideologico.

A dicembre, l’automobilista ghanese di 33 anni aveva consegnato agli agenti, intervenuti per i rilievi di un incidente, un permesso internazionale di guida. Quel documento, però, era risultato falso e immediatamente sequestrato. Per questa ragione al conducente era stata notificata la violazione di guida senza patente.
Contro questa contestazione, però, il cittadino ghanese, assistito da un legale, ha fatto ricorso. La tesi difensiva era che non si trattava di un caso di guida senza patente, ma di guida con patente straniera non convertita nei tempi previsti, in quanto effettivamente l’automobilista sarebbe stato in possesso di regolare patente ghanese. In questo caso, la sanzione prevista scenderebbe da 5 mila euro a 155.
Tuttavia, gli agenti non avendo certezze dell’effettiva esistenza di questa patente, utilizzata anche per il ricorso, hanno convocato l’automobilista per poterla esaminare. L’uomo si è presentato al Comando con il documento richiesto, ma purtroppo per lui, anche in questo caso si trattava di un falso. Pertanto gli agenti hanno sequestrato anche questo permesso di guida e hanno trasmesso l’iter alla Prefettura che sta trattando il ricorso. Oltre alla pesante multa per guida senza patente, ora il 33enne è indagato anche per falso ideologico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il secondo caso riguarda, invece, un cittadino ucraino che, a maggio, era stato coinvolto in un incidente in Zai. In quella occasione, il 30enne aveva mostrato agli agenti la sua patente di guida straniera, in fase di conversione.
Gli accertamenti realizzati dal Nucleo falsi documentali, tuttavia, hanno fatto emergere alcune anomalie nel documento. Dalle verifiche è risultato che la patente era esistente, ma risultava intestata ad un’altra persona. Anche in questo caso, quindi, il permesso di guida è stato sequestrato e la pratica della sua conversione congelata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • Scooter si schianta contro il guard rail nella notte: morto il conducente

Torna su
VeronaSera è in caricamento