In tre sorpresi a caccia nel parco della Lessinia: scattano le denunce

I cacciatori stavano partecipando ad una battuta al cinghiale in località Spionca, quando si sono allontanati per entrare armati nel parco naturale, dove sono stati però trovati dai carabinieri

Erano impegnati in una battuta di caccia al cinghiale in località Spionca, quando i tre cacciatori si sono allontanati addentrandosi all’interno del Parco Naturale della Lessinia, venendo però sorpresi dai carabinieri della stazione Forestale di Bosco Chiesanuova, che stavano eseguendo un controllo antibracconaggio insieme ai colleghi della stazione di Tregnago ed i Guardiaparco.
Intercettati, i tre hanno fornito le proprie generalità: si trattava di L.I. di 68 anni, L.M. di 31 anni e B.A. di 61 anni, tutti residenti in Sant'Anna d’Alfaedo. I cacciatori sono stati denunciati all'autorità giudiziaria per introduzione di armi da fuoco nel Parco Naturale Regionale della Lessinia, ai sensi degli articoli 11 e 30 della L. 394/1991 “Legge quadro sulle aree protette”, una violazione che comporta l'arresto fino a sei mesi o l'ammenda da 103 a 12.911 euro. Mentre, per l'esercizio di caccia all’interno dell’area protetta, ai sensi dell’articolo 30 L. 157/1992 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio”, può scattare l'arresto fino a sei mesi e l'ammenda da 465 a 1.549 euro.

Il sequestro delle armi poi, ha permesso ai carabinieri di accertare come il fucile di uno dei tre, L.I., fosse stato artigianalmente modificato così da aumentare la sua potenza di fuoco. Il controllo così è stato esteso alla sua sua abitazione, dove è stata trovata un''altra arma da caccia analogamente modificata, motivo per il quale i militari hanno denunciato il cacciatore anche per il reato di alterazione d’arma, previsto dall’articolo 3 della legge 110 del 1975 “Norme sul controllo delle armi, delle munizioni e degli esplosivi reclusione”, che può portarte alla reclusione da uno a tre anni e la multa da 155 a 1.032 euro. 

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • La clinica San Francesco riconosciuta dalla regione Veneto come “struttura di riferimento per la chirurgia robotica ortopedica”

  • Mercato immobiliare sul Lago di Garda: Peschiera al primo posto

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 16 al 18 agosto 2019

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Due persone investite da due diversi treni sulla linea Verona - Brescia

  • Donna fermata mentre va al lavoro da un giovane che le mostra i genitali

  • Prima il boicottaggio, poi la manifestazione contro Polunin in Arena

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

Torna su
VeronaSera è in caricamento