Piano parcheggi a Verona: gli stalli blu valgono 10 milioni di euro l'anno

L'alternanza tra parcheggi a pagamento e stalli liberi non è obbligatoria in tutte le zone della città. A Verona l'area dove la sosta si paga corrisponde all'intera Prima Circoscrizione

Il tema dei parcheggi e delle relative sanzioni agli automobilisti non può che essere sentito vivamente da tutti i Veronesi e non solo. È ben nota a chiunque la difficoltà con la quale sia possibile trovare in determinate zone anche un solo stallo gratuito e spesso ci si domanda se questo sia giusto, talvolta persino se sia legale. Ebbene la risposta alla prima domanda spetta al singolo cittadino, quella alla seconda ci è fornita dalle normative e la Legge vigente dice che è "legale" per l'appunto.

La famigerata alternanza tra stali blu e bianchi, da garantire secondo quanto prescritto dal Codice della Strada, prevede infatti la possibilità per le Amministrazioni locali di sfruttare una speciale deroga per quanto riguarda i centri storici, le zone a traffico limitato e tutte quelle aree definite dagli stessi Comuni particolarmente "rilevanti" sul piano urbanistico. Che la norma esista e possa essere sfruttata, ebbene ciò non obbliga nessuno a sfruttarla, di conseguenza il problema della gestione dei parcheggi che sul suolo urbano e i relativi risvolti economici per le famiglie che ne conseguono, sono da considerarsi come una "questione politica" a tutti gli effetti.

Ogni anno a Verona, stando a quanto riferisce il quotidiano L'Arena, i parchimetri incamerano monetine per 10 milioni di euro, una somma cospicua che in larga parte va ad Amt, mentre circa 4.5 milioni finiscono nelle casse del Comune. A queste cifre poi si aggiungono i soldi ricavati dalle sanzioni che vanno sempre a Palazzo Barbieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla luce della norma deroga sopra esposta, a Verona l'intera area dove "legittimamente" non viene applicata l'alternanza tra stalli blu e bianchi, si estende su tutto il territorio della Prima Circoscrizione, vale a dire dal centro storico vero e proprio fino a San Zeno, Veronetta, Cittadella e in sostanza tutta l'area compresa all'interno del perimetro dei Bastioni austriaci. Che questo sia "legale" dal punto di vista tecnico è indiscutibile, che tutto ciò sia "giusto" è altrettanto legittimo che ciascun elettore lo valuti singolarmente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Partire da Verona: le info utili per come raggiungere l'aeroporto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • 'Ndrangheta in provincia di Verona dai primi anni '80: l'operazione scattata all'alba

  • Focolaio di Covid-19 a Verona: marito ricoverato e famiglia messa in quarantena

  • Non rispetta la quarantena a Legnago, va al mare a Rosolina e viene multata

Torna su
VeronaSera è in caricamento