Inaugurata a Bardolino la nuova palestra comunale a forma di "shangai"

La struttura è costata 2.226.000 euro ed è dedicata alla memoria dell’ex assessore comunale Loris Lonardi, scomparso nel gennaio del 2016

È stata inaugurata oggi, domenica 19 novembre 2017, a Calmasino di Bardolino (Vr), la palestra polifunzionale a servizio della scuola Primaria e di tutta la frazione. La struttura, costata 2.226.000 euro, è dedicata alla memoria dell’ex assessore comunale Loris Lonardi, scomparso nel gennaio del 2016, per l’impegno profuso nella realizzazione della stessa palestra. Presenti all'inauguraione il vicepresidente del Consiglio regionale del Veneto Massimo Giorgetti, il presidente della Provincia Antonio Pastorello e tutta l'Amministrazione comunale di Bardolino.

L’edificio collocato in continuità con la prima scuola verde d’Italia, inaugurata nel 2011, potrà essere utilizzata sia dagli alunni, tramite un passaggio diretto che collega i due stabili, ma anche dalle società sportive e dagli anziani per attività ginnico/riabilitative. La palestra si presenta all’esterno a forma di shangai, tale da rendere subito l’idea di un luogo di divertimento e gioco. È composta da ampie vetrate sia in verticale ( sette metri) che in orizzontale (circa 16 metri) sostenute da una struttura portante in acciaio.

La copertura è leggera e il rivestimento realizzato con un lamierino uguale a quello della scuola limitrofa color verde-rame. Costruita sullo stesso sedime che fino a pochi anni fa ospitava la vecchia scuola, abbattuta perché a rischio di crollo, si trova in una posizione centrale dell’abitato di Calmasino, ben servita dalla infrastrutture comunali (parcheggi e viabilità). Al piano interrato, che fa da perimetro con la palestra vera e propria sono stati ricavati due spogliatoi con sei docce ciascuna e servizi igienici, l’infermeria e due magazzini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La palestra, disposta su di una superficie di 420 metri quadri, è dotata di una parete d’arrampicata con sei linee di punti di protezione per una superficie d’arrampicata di 70 metri quadri. La progettazione e realizzazione della palestra ha coinvolto più di un professionista. Ha cominciato l’architetto Alberto Gallo, progetto definitivo, con i lavori del primo stralcio eseguiti dalla ditta Andrea Allegri di Peschiera del Garda con la direzione affidata all’architetto Francesco Molesini. Primo stralcio che ha compreso la costruzione della parte grezza (interrato, spogliatoi, strutture in cemento armato, le vetrate, la rampa e le scale esterne). Il progetto definitivo esecutivo del secondo stralcio è stato invece affidato ad Urbacom, e tutti gli elaborati sono a firma dell’architetto Silvano Benini, direzione dei lavori all’ingegnere Andrea Vignola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

  • Colpito dal Coronavirus, è morto il campione delle bocce venete Giuliano Mirandola

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

  • Covid-19, nuova impennata di casi a Verona, ma prosegue il calo dei ricoveri

Torna su
VeronaSera è in caricamento