Dramma familiare a Corte Pancaldo: "Soffriva per le condizioni della moglie"

L'omicidio-suicidio che si è verificato nel pomeriggio del 3 novembre assume sempre più i contorni di una tragedia, con Renato angosciato dalla salute precaria di Ines, la compagna di una vita

"Nessuno di noi si aspettava una cosa simile". Sono le parole di uno dei vicini di Renato Foti e Ines Valente, gli sfortunati protagonisti del dramma familiare che si è consumato nel pomeriggio del 3 novembre a Corte Pancaldo a Verona, nella palazzina contrassegnata con il civico 98. 
"Era una persona splendida, che non aveva mai dati problemi - continua poi il vicino, evidentemente colpito dal fatto -. È stata mia moglie ad avvisarmi del fatto. Soffriva per la situazione di sua moglie (affetta da anni da una grave malattia, ndr), ma mi è sempre apparso lucidio mentalmente e non aveva mai dato segni che potessero far pensare ad una cosa simile. Sono scioccato, come del resto tutti i residenti del condominio". 
Quello che si delinea all'orrizzonte di questo omicidio-suicidio sembra essere quindi il dramma familiare di due persone anziane.
Il personale di Agec è arrivato sul luogo del fatto a prendere i corpi di Renato ed Ines, che sono stati trasportati all'istituto di medicina legale per gli accertamenti del caso. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il panettone più buono secondo Iginio Massari? Lo produce un pasticciere veronese

  • Incidente mortale a Verona: auto contro un muro, perde la vita un 47enne di Cerea

  • Tocca il cordolo in moto, cade e muore: la stanchezza la possibile causa

  • L'auto finisce contro un muro: muore padre di due bambine nell'incidente a Ca' di David

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 13 al 15 settembre 2019

  • Incidente a Sant'Ambrogio di Valpolicella: muore motociclista dopo la caduta

Torna su
VeronaSera è in caricamento