Omicidio Tommasoli, dal Tribunale di Venezia arrivano le condanne per Corsi e Vesentini

La Corte d'Assise d'appello di Venezia ha ribaltato la richiesta d'assoluzione, a suo tempo emessa dalla Corte di Cassazione rinviando il processo ai giudici veneziani, nei confronti di Andrea Vesentini e Guglielmo Corsi

La lapide di Nicola Tommasoli, il grafico aggredito e picchiato a morte a Verona il primo maggio del 2008

La Corte d'Assise d'appello di Venezia, secondo quanto riferito dall'Ansa, ha condannato a 6 anni e 8 mesi Andrea Vesentini e Guglielmo Corsi, due dei cinque giovani veronesi accusati dell'omicidio preterintenzionale di Nicola Tommasoli, il grafico aggredito e picchiato a morte a Verona, il primo maggio 2008, per una lite scoppiata dopo il rifiuto di una sigaretta.

Per questa vicenda altri tre giovani erano stati condannati in via definitiva. La Corte di Cassazione aveva rinviato il processo ai giudici veneziani, dopo la condanna emessa nel secondo appello, nel quale Vesentini e Corsi avevano avuto una sentenza, rispettivamente, di 6 anni e 8 mesi e 7 anni e 10 mesi.

Nella giornata di oggi, venerdì 6 ottobre, dopo ben  9 ore di camera di consiglio, la Corte presieduta da Gioacchino Termini ha emesso la sentenza, che ha capovolto la richiesta di assoluzione avanzata dallo stesso Pg.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Cinghiale a Poiano, pecore al Chievo: sicurezza garantita dalla Municipale

  • Cronaca

    Bloccata sull'Altissimo, coppia di escursionisti veronesi soccorsa e recuperata

  • Incidenti stradali

    Bardolino, esce di strada e si ribalta. 28enne ferita portata alla Pederzoli

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 22 al 24 marzo 2019

I più letti della settimana

  • Ragazze violentate da una coppia veronese: inchiodati dai filmati del cellulare

  • San Giovanni Ilarione, motociclista esce di strada in via Fusa e perde la vita

  • Atterraggio di emergenza a Londra per un Airbus decollato da Verona

  • Verona fortunata al SuperEnalotto: giocata una schedina da 40 mila euro

  • Da una lite familiare spuntano 85 mila euro, droga e orologi: un arresto

  • Trovato a vendere cocaina, viene arrestato e si giustifica: «Sono senza lavoro»

Torna su
VeronaSera è in caricamento