Nuovo impianto irriguo della Valpolicella: interessati 600 ettari di vigneti

Il Consorzio di Bonifica Veronese prosegue l'iter per la costituzione delle servitù di acquedotto irriguo per il nuovo impianto in pressione della Valpolicella, realizzato con una spesa di 4 milioni di euro

Prosegue l'iter dei procedimenti per le costituzioni di servitù di acquedotto irriguo per il nuovo impianto irriguo in pressione della Valpolicella, realizzato dal Consorzio di Bonifica Veronese con una spesa di 4 milioni di euro, che ha sostituito l'impianto a scorrimento di Montindon e ampliato il servizio irriguo a zone finora non irrigate.

La nuova rete di condotte interrate prende il posto delle vecchie canalette in cemento risalenti al dopoguerra e si sviluppa nelle campagne tra Domegliara e Negarine, nella zona del Valpolicella Doc, andando a servire ben 600 ettari di vigneti. L'impianto elimina gran parte dei sedimenti contenuti nell'acqua del fiume Adige grazie ad un sistema di filtrazione a doppio stadio.

Gli elenchi dei pagamenti relativi alle oltre duecento proprietà coinvolte dal progetto sono stati pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto e sono divenuti esecutivi l'8 agosto scorso. "Hanno inviato delle osservazioni per alcune correzioni di dettaglio una decina dei quattrocento comproprietari ai quali, fra la metà del mese di giugno e la fine del mese di luglio, era stato inviato per posta prioritaria l'elenco dei pagamenti. Sulla scorta dell'elenco definitivo ottenuto dopo queste correzioni - spiega il Presidente del Consorzio di Bonifica Veronese Antonio Tomezzoli - è stato predisposto ed inviato per il pagamento il primo centinaio di bonifici. In questi giorni, entro la fine del mese di agosto, vengono inviati anche il secondo e il terzo centinaio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel mese di settembre il Consorzio di Bonifica provvederà poi a redarre i decreti di costituzione di servitù di acquedotto irriguo e, fra ottobre e dicembre di quest'anno a ciascun comproprietario sarà inviata una copia del decreto che lo riguarda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento