Stop alla Nogara Mare, l'ira del PD: "Ininfluenti i rappresentanti veronesi"

Zardini e Salemi attaccano dopo l'affossamento del progetto: "Si lavori da subito e seriamente per un’alternativa. Altrimenti sarebbe l’ennesima conferma che per questa Giunta c’è un Veneto di serie A e uno di serie B"

"I rappresentanti veronesi - due nella giunta veneta e quattro consiglieri in maggioranza - sono del tutto ininfluenti. Lo dimostra la vicenda della Nogara Mare dove il bilancio dell’ente conta di più della salute, della sicurezza dei cittadini e dell’ambiente". A dirlo sono il deputato veronese del Partito Democratico Diego Zardini e la consigliera regionale Orietta Salemi.

"L’affossamento della Nogara Mare da parte della Regione è la dimostrazione che l’assessore veronese Elisa De Berti conta zero all’interno della Giunta oppure risponde esclusivamente agli interessi di Zaia e non a quelli dei veronesi". Il parlamentare Diego Zardini è sconcertato dalla decisione di non costruire un’infrastruttura "che avrebbe tolto il traffico pesante e l’inquinamento dai centri abitati della Bassa veronese e del Polesine. I centri urbani di quest’area da decenni sopportano carichi di traffico che rallentano la circolazione e aumentano le nubi di polveri sottili. L’unica risposta che ha saputo dare questa Regione alle richieste dei cittadini è fare un progetto e lasciarlo sulla carta".

"La Giunta, in particolare Zaia e l’assessore De Berti, non si nascondano dietro al costo dell’opera per far saltare il banco - aggiunge Salemi, vicecapogruppo PD a Palazzo Ferro Fini -. Dicano invece esplicitamente se ritengono la Nogara Mare una priorità: se è così, si mettano al tavolo con A4 per arrivare a una soluzione positiva. Abbiamo visto che con la volontà politica si possono superare molti ostacoli e risolvere i problemi: per terminare la Pedemontana Zaia era disposto addirittura a introdurre l’addizionale Irpef. Altrimenti sarebbe l’ennesima conferma che per questa Giunta c’è un Veneto di serie A e uno di serie B. Se la Nogara Mare è troppo cara, si lavori da subito e seriamente per un’alternativa: serve un piano di varianti alla strada padana inferiore per decongestionare il traffico. Quello che manca, in realtà, è un piano strategico delle infrastrutture viarie della Regione. Non si può procedere in modo frazionato sulla base di interessi politici. I consiglieri veronesi che siedono in maggioranza non restino in silenzio a subire ordini. Ricordo loro che sono prima di tutto espressione del territorio ed è loro dovere difendere gli interessi, l’ambiente e la salute dei nostri cittadini. Se siamo ancora in tempo per invertire questa scellerata decisione, facciamolo insieme".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zardini e Salemi assicurano il sostegno ai sindaci e agli amministratori dei Comuni attraversati dalla strada regionale 10 e soffocati da tir e traffico commerciale. "Dopo la decisione della Regione, ogni azione da parte dei sindaci è legittima - dicono in conclusione -. Dalla richiesta di una nuova strada per portare il traffico pesante fuori dai centri al blocco del transito per camion e tir, è loro dovere tutelare la salute degli abitanti e garantire le condizioni di sicurezza della circolazione. Purtroppo sono gli unici rimasti a farlo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Dramma in Transpolesana nella notte: un uomo trovato morto dopo malore alla guida

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Dolore a Pressana e Cologna per la morte di Arianna Fin, madre di due bimbe

  • Zoppicando attira l'attenzione dei carabinieri, aveva 19 dosi di eroina negli slip

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

Torna su
VeronaSera è in caricamento