Proseguono le indagini sul naufragio di Rimini, Nicolis: "Salvo grazie ad Alessia"

Mentre tra incognite e ricostruzioni dell'accaduto avanzano le indagini per "naufragio colposo contro ignoti", il sopravvissuto Luca Nicolis ha rivelato al quotidiano L'Arena di essersi potuto salvare grazie a un gesto della sua compagna Alessia Fabbri

I corpi delle quattro vittime possono tornare a Verona mentre le indagini per il naufragio di Rimini continuano e si cerca di capire la reale dinamica dei fatti attraverso le parole dei due sopravvissuti, riportate oggi su L'Arena. Si tratta in particolare di Carlo Calvelli e Luca Nicolis, due dei sei membri dell'equipaggio del Bavaria di 15 metri partito da Marina di Ravenna e schiantatosi sugli scogli riminesi il 18 aprile scorso a causa del mare grosso. I due si trovavano in punti diversi della barca durante il naufragio. Nicolis era sottocoperta insieme ad altri due membri, mentre Calvelli e gli altri due skipper erano fuori per cercare di governare la nave per indirizzarla dentro il porto di Rimini. E anche ieri, 20 aprile, Calvelli e Nicolis si trovavano in due luoghi diversi, il primo ancora ricoverato ma fuori pericolo, mentre il secondo è tornato a Verona.

Carlo Calvelli è un medico di 69 anni e agli inquirenti che indagano per naufragio colposo contro ignoti ha raccontato che la decisione di partire è stata presa da tutti, anche se le condizioni meteo erano avverse. Secondo la sua ricostruzione è stata un'onda molto grande a mandare in avaria il motore della barca. Le onde successive hanno poi spinto il natante e tutto l'equipaggio contro gli scogli. Lui si è salvato restando attaccato alla ringhiera della barca, anche se ha rischiato di morire a causa dell'ipotermia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Luca Nicolis è invece il direttore del celebre locale scaligero l'Antica Bottega del Vino e non era esperto di mare. Ha 38 anni e nella tragedia ha perso la fidanzata Alessia Fabbri, morta insieme al padre Alessandro. Agli amici e ai collaboratori della sua attività ha raccontato che sottocoperta si è trovato con l'acqua fino al petto, dopo l'arrivo dell'onda che ha spento il motore. Con lui c'erano la compagna e il padre di lei. È stata proprio Alessia Fabbri ad uscire per prima dalla barca. Nicolis l'ha seguita. Dopo aver raggiunto gli scogli, la ragazza è stata sorpresa da un'altra onda ed è rimasta incastrata tra gli scogli dove ha perso la vita. Quando i soccorritori hanno salvato Nicolis, lui chiedeva di salvare anche la ragazza, ma per lei non c'era già più nulla da fare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Partire da Verona: le info utili per come raggiungere l'aeroporto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Focolaio di Covid-19 a Verona: marito ricoverato e famiglia messa in quarantena

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • 'Ndrangheta in provincia di Verona dai primi anni '80: l'operazione scattata all'alba

Torna su
VeronaSera è in caricamento