Tragedia del pullman ungherese. Morto uno dei feriti, ora le vittime sono 17

Non si tratta dell'autista, le cui condizioni restano stabili, ma del passeggero che era stato tratto in salvo e successivamente ricoverato per le ustioni che coprivano oltre metà del suo corpo

L'annuncio è stato dato ieri, 22 marzo, in una conferenza stampa in cui ha parlato il medico che dirige dell'ospedale di Budapest dove sono ricoverati i due uomini rimasti gravemente nella tragedia del bus ungherese avvenuta vicino al casello di Verona Est sulla A4. Purtroppo, nonostante gli sforzi, uno dei due feriti è deceduto ieri e, come riportato da varie testate giornalistiche ungheresi presenti alla conferenza, non si tratta dell'autista, ma di un passeggero del pullman, un uomo poco più che quarantenne che a causa dell'incidente aveva riportato ustioni su oltre il 50% del corpo.

Diventano così 17 le vittime del grave incidente stradale avvenuto tra il 20 e il 21 gennaio. Stabili invece le condizioni dell'autista, ancora ricoverato in ospedale per un serio trauma cranico.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto "vola" su altre due vetture a Pescantina in un parcheggio: spunta l'ipotesi della rissa

  • Scavalca una siepe e vola sulle auto parcheggiate dall'altro lato nel piazzale

  • Investito da un treno a Balconi di Pescantina: caos e disagi in stazione

  • Nuovo autovelox in Tangenziale Nord, 366 multe nelle prime 12 ore

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Quaterna fortunata messa a segno in provincia: vinti oltre 50 mila euro

Torna su
VeronaSera è in caricamento