Tragedia del pullman ungherese. Morto uno dei feriti, ora le vittime sono 17

Non si tratta dell'autista, le cui condizioni restano stabili, ma del passeggero che era stato tratto in salvo e successivamente ricoverato per le ustioni che coprivano oltre metà del suo corpo

L'annuncio è stato dato ieri, 22 marzo, in una conferenza stampa in cui ha parlato il medico che dirige dell'ospedale di Budapest dove sono ricoverati i due uomini rimasti gravemente nella tragedia del bus ungherese avvenuta vicino al casello di Verona Est sulla A4. Purtroppo, nonostante gli sforzi, uno dei due feriti è deceduto ieri e, come riportato da varie testate giornalistiche ungheresi presenti alla conferenza, non si tratta dell'autista, ma di un passeggero del pullman, un uomo poco più che quarantenne che a causa dell'incidente aveva riportato ustioni su oltre il 50% del corpo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Diventano così 17 le vittime del grave incidente stradale avvenuto tra il 20 e il 21 gennaio. Stabili invece le condizioni dell'autista, ancora ricoverato in ospedale per un serio trauma cranico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento