Colto da un malore durante una gita: morto un escursionista veronese

Il 54enne si è sentito male mentre saliva assieme ad alcuni compagni di gita lungo il sentiero che dal Rifugio Pordenone conduce a Casera Pecoli, in una zona priva di copertura telefonica

Il Soccorso Alpino della Valcellina è intervenuto lunedì pomeriggio su chiamata del NUE 112 in Val Cimoliana. La richiesta è arrivata per un escursionista veronese di 54 anni che ha avuto un malore mentre saliva assieme ad alcuni compagni di gita lungo il sentiero che dal Rifugio Pordenone conduce a Casera Pecoli, a quota 1200 metri.

La zona è priva di copertura telefonica e così due compagni di escursione sono scesi a ritroso in mezzora al Rifugio Pordenone per raggiungere un telefono e soprattutto per procurare il defibrillatore di cui i gestori dispongono e che sono autorizzati ad usare, in un tentativo di rianimazione dell’amico. Sul posto, poco dopo i gestori, è arrivato l’elicottero della centrale operativa, il cui medico di bordo ha potuto soltanto constatare il decesso dell’uomo per arresto cardiaco. Poco dopo sono arrivati da Cimolais gli uomini del CNSAS Valcellina, sei tecnici, assieme al comandante dei carabinieri di Cimolais, a cui è stato affidato il compito di rimuovere la salma con la barella fino al fuoristrada in dotazione. La salma è stata condotta all’Ospedale di Maniago.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va in fiera a gustarsi un risotto. Al ritorno non trova più due portiere

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 20 al 22 settembre 2019

  • Tocca il cordolo in moto, cade e muore: la stanchezza la possibile causa

  • Sfonda la recinzione stradale con un camion e vola per 7 metri dal ponte di viale delle Nazioni

  • Capelli neri, occhi marrone, Mister Italia 2019 è Rudy El Kholti ed è di Zevio

  • Forti temporali attesi sul Veneto e scatta ancora lo "stato di attenzione"

Torna su
VeronaSera è in caricamento