Ubriaco, litiga con la moglie in casa, la picchia e la ferisce con un coltello

Le iniziali dell'uomo sono M.D., è di nazionalità serba ed è stato arrestato dai carabinieri di Monteforte d'Alpone, intervenuti in seguito alla chiamata ricevuta dalla vicina di casa della vittima

(foto di repertorio)

Tentato omicidio e lesioni a danno della consorte. Con queste accuse è stato arrestato nel pomeriggio di oggi, 25 aprile, dai carabinieri di Monteforte D’Alpone, un uomo di nazionalità serba, iniziali M.D., classe 1971.

Secondo quanto ricostruito dai militari il tentato omicidio si è verificato verso le 14.45, quando la vittima, iniziali M.S., classe 1974 e anche lei serba, si trovava in casa. M.D. ed M.S. sono marito e moglio. L'uomo, ubriaco, sarebbe rientrato nell'abitazione e avrebbe preteso di uscire con la compagna per andare ad una fiera a San Bonifacio. La donna, visto lo stato del marito si sarebbe rifiutava. Al diniego, l'uomo avrebbe reagito prima picchiando la moglie e poi colpendola all'altezza della spalla con un coltello da cucina. Coltello poi nascosto prima dell'arrivo dei carabinieri.

A salvare M.S. sarebbe stato l'intervento della vicina che ha sentito le urla e ha telefonato ai carabinieri. L'immediato intervento dei militari ha reso l'uomo inoffensivo e ha permesso di soccorrere la malcapitata che, all'arrivo del 118, è stata trasportata all'ospedale di San Bonifacio dove è stata immediatamente curata. Sul corpo della donna sono state riscontrate ferite da taglio e varie escoriazioni.

L'uomo è stato arrestato e ora deve rispondere dei reati di tentato omicidio aggravato e lesione personale aggravata. Al termine delle formalità di rito, l'arrestato è stato trasferito nel carcere di Montorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • "Strage di Santa Lucia" a Sommacampagna: il disastro aereo in località Poiane

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento